Condividi
Ho.re.ca

TROPPADVISOR // 4 Paroline con Iside

di Iside De Cesare | 7 Maggio 2018
TROPPADVISOR // 4 Paroline con Iside

Foto da jan kahanek, Annie Spratt,

Cos’è un ristorante se non una casa dove ospitare amici che hanno voglia di rilassarsi.

Di tanto in tanto esco dalla cucina e passo tra i tavoli. Quanto è bello vedere le persone che si godono il pasto e si divertono insieme ai loro commensali. Poi quando si alzano per tornare a casa vado a salutarli, spesso mi riferiscono le loro impressioni e anche io mi racconto a loro.

Li incontri e li senti parte del gruppo di amici che ogni ristoratore ha, anzi senza, il ristorante sarebbe solo una sala vuota e spenta.

Annie Spratt

Annie Spratt

La cosa che mi regala maggior gioia in assoluto, nel salutare un ospite, è trovarmi a ringraziarlo per essere venuto a conoscerci, mentre anche lui ringrazia la mia famiglia lavorativa, per averlo coccolato rendendo la sua permanenza piacevole.

Certamente, non esiste la perfezione, quindi è giusto rimanere aperti al confronto e ad imparare nuove cose da esso.

Tuttavia alla base di ogni rapporto ci dovrebbe essere sempre il rispetto per il tempo che si dedica ad esso, qualsiasi ruolo si stia vivendo.

Amo moltissimo il mio lavoro ed ogni volta che inciampo nell’avventore che entra, non con l’intento di divertirsi, ma con il desiderio di sezionare e smembrare il lavoro di un intero team, solo per poter dire ci sono stato ed ho trovato questi difetti, provo una profonda delusione.

Strumenti che dovrebbero essere utilizzati come luogo dove ricevere indicazioni su dove consumare un gustoso pasto, purtroppo a volte, si trasformano in un luogo di commenti poveri e scadenti.

Spesso persone che non distinguono un ristorante caro da uno costoso, si permettono di mortificare il lavoro altrui sentendosi nel diritto di descrivere la loro esperienza, imitando il ruolo dei critici gastronomici, che però hanno ben altra preparazione.

rawpixel-247358-unsplash

 

Voglio finire questa riflessione raccontandovi un sogno.

Vorrei tanto entrare in sala e scorgere solo persone che mangiano, anzi  gustano le portate e guardandosi negli occhi, chiacchierano amabilmente tra di loro. Niente più recensioni in diretta mentre il piatto si raffredda.

Buona scarpetta a tutti.

 

 

 

 

 

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Bio Food

Batte in Sabina il cuore bio dell’extravergine Tenimenti Marotta

Sabrina de Feudis |   1 Giugno 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Frittelle di banana

Francesco Apreda |   29 Maggio 2020

Ricetta di Donna

Maria Provenza: “La mia ricetta di donna? Trasparenza e rispetto”

Fabio Castelli |   27 Maggio 2020

We Love Tasting

Elisabetta Geppetti: “Export ripartirà, Italia al rallentatore”

Manuela Zennaro |   27 Maggio 2020

News

Olio Tamia, tradizione e innovazione Made in Tuscia

Giusy Ferraina |   26 Maggio 2020

#whateverittakes

Agivi, Violante Gardini: “Facciamo sentire la nostra voce”

Sabrina de Feudis |   26 Maggio 2020

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

We Love Tasting

Conte Vistarino, i custodi del Pinot Nero

Manuela Zennaro |   21 Maggio 2020

News

Nasce “Nero”, il primo sake italiano

Giusy Ferraina |   20 Maggio 2020

News

The Fork lancia i dining bond, “salviamo i ristoranti”

Fabio Castelli |   20 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.