Condividi
Ho.re.ca

SALONE DEL GUSTO DI TORINO: IL LAZIO CHE NON TI ASPETTI // 4 Paroline con Iside

di Iside De Cesare | 1 Ottobre 2018
SALONE DEL GUSTO DI TORINO: IL LAZIO  CHE NON TI ASPETTI // 4 Paroline con Iside

Torino, il luogo dai tanti volti con la sua storia, le maestose piazze e i musei, città industriale e d’arte allo stesso tempo, si trasforma in punto d’incontro della gastronomia mondiale e lo fa alla grande.

 

fill_1400x600_Torino_1400x600

 

Quando si entra al Salone del Gusto ci si tuffa in un carosello di colori, profumi e sapori, ma la cosa che accomuna tutte le persone presenti è la curiosità e la visione di un mondo che dona il cibo e sfama chi per lavoro pensa a come nutrire rispettando la madre terra.

 

mani-terra

 

In questo clima, serio e festoso allo stesso tempo, girando, si attraversano tutti gli angoli del mondo. Molto presto si iniziano a scorgere dettagli di luoghi più specifici; via via, come se si stesse passando da grandi piazze a vicoli nascosti, ci si trova rapiti dalle varie zone d’Italia e dalle zone di ogni regione.

 

cartina-magnetica-d-italia

 

Ovviamente una volta entrata la curiosità mi ha portata a girare in lungo e in largo, per poi rientrare nel luogo in cui erano ospitati le aziende Italiane e in particolare quelli del Lazio. Ed è proprio qui che mi sono trovata coinvolta in un meraviglioso progetto che mi ha portata a lavorare a stretto contatto con produttori che hanno fatto dell’innovazione la loro principale risorsa.

Il progetto è stato curato da Lazio Innova che ha supportato il lavoro delle aziende selezionate seguendo il tema #FOOD FOR CHANGE coadiuvandole nel percorso che parte dalla produzione alla comunicazione per poi passare al packaging.

La parte che mi ha poi vista coinvolta in uno show cooking realizzato con i prodotti delle aziende mi ha aperto gli occhi sul grande lavoro di ricerca portato avanti dalle varie realtà. Realtà che hanno creato prodotti totalmente nuovi come: i prodotti a base di anacardo, il luppolo  idroponico e la passata di pomodoro, la tisana di lamponi, o il cartamo e la lavorazione di un dado vegetale naturale, oppure modi nuovi di lavorare prodotti tradizionali come le salsicce  naturali, totalmente prive di conservanti, il cioccolato crudo, le farine, le nocciole in tutte le declinazioni.

 

terramadre-fb.-ita

 

Carlo Hausmann e Luca Polizzano hanno raccontato con viva partecipazione il percorso fin qui intrapreso, ma soprattutto quello ancora da fare, hanno spiegato inoltre il valore di tutte le realtà innovative che hanno scelto strade diverse per esserlo e che ogni giorno lavorano per migliorare e divulgare il loro prodotto, puntando ad un’eccellenza  fatta di scoperte e riscoperte di tecnica e di tradizione.

Sono tornata orgogliosa di un Lazio che cresce e ha tanto da raccontare.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Aziende

Felicetti, dalle Dolomiti la pasta fatta di cielo e farina

Giusy Ferraina |   16 Luglio 2019

Ho.re.ca

La Baia di Fregene porta il mare nei piatti

Sabrina de Feudis |   12 Luglio 2019

Chef Protagonisti

Lele Usai e la sua cucina di mare

Livia Belardelli |   2 Luglio 2019

Ristorazione

Panunta, coratella, scampi e cipolla caramellata

Lele Usai |   2 Luglio 2019

Aziende

Fattoria Tellus a fianco del Bambino Gesù: Fattoria Tellus

Elvia Gregorace |   1 Luglio 2019

Aziende

Il progetto che regala nuova vita ai tappi

Redazione |   28 Giugno 2019

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

[ap_instagram_slider]