Condividi
Aziende

NIO Cocktails: La rivoluzione in un bicchiere // Un’Azienda al Giorno

di Viola Centi | 22 Ottobre 2018
NIO Cocktails: La rivoluzione in un bicchiere // Un’Azienda al Giorno

L’etimologia della parola cocktail è ancora dibattuta. Ci sono decine di interpretazione e simpatici aneddoti sulla provenienza di questa parola magica: cock=gallo, tail=coda.

Ci sono alcuni che pensano che vengano dai combattimenti tra i galli in voga nelle taverne del ‘600 europeo: al vincitore spettavano le piume del gallo sconfitto, la gloria e ampie libagioni.

Altri narrano di una fanciulla messicana di nome Xock che servì una bevanda miscelata agli ufficiali americani, e furono proprio loro a riportare, in patria, la notizia di una misteriosa bevanda magica.

nio-cover

Ancora, e sembra una delle teorie più plausibili, si pensa che la parola cocktail derivi dal francesecoquetel”, una tipica coppa da vino usata nel Bordeaux, passata poi a New Orleans sul finire del ‘700.

In ogni caso, sia che siano nati per caso che per necessità di mescolare e riciclare i fondi di bottiglia, la volontà di creare e riciclare è sempre stata innata nell’uomo.

3c345bb6e5c0f2e474875648538aa9f2_L

E così, dallo sperimentare, la giovane rivoluzione imprenditoriale si riassume in un bicchiere. La scommessa di NIO Cocktails nasce dall’intuizione di Luca Quagliano e Alessandro Palmarin che hanno deciso di stravolgere le abitudini di consumo degli alcolici rendendo accessibili cocktail già mixati che possono essere bevuti in ogni luogo e ogni occasione.

“Ero stanco di lavorare per le multinazionali e avevo voglia di creare qualcosa di mio, così un giorno ho avuto un’idea folle e ne ho parlato ad Alessandro, il quale si è dimostrato entusiasta”

Quante volte, nelle soffuse luci dei locali, siamo rimasti affascinati e incantati a guardare i bartender preparare il nostro cocktail preferito, e quante altre avremmo voluto saper preparare proprio quel Margarita o Cosmopolital; NIO diventa la risposta.

Milano_Torino_da9cd4d1-09a2-4d11-84e2-ba501d68a7e7_800x

La confezione ha un gusto retrò, come aver in mano un 45giri, una melodia personalizzata per ciascun gusto; la pratica confezione quadrata, contiene una busta di plastica all’interno della quale si trova il cocktail, già mixato, non resta che prendere ghiaccio e bicchiere.

Dal Milano-Torino “preparato con vermouth Carpano e Campari” al Whiskey sour “Fatto con il Bulleit Bourbon”: ad ognuno il suo.

Manhattan_Cocktail_V3_C_x1000

 

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Aziende

Felicetti, dalle Dolomiti la pasta fatta di cielo e farina

Giusy Ferraina |   16 Luglio 2019

Ho.re.ca

La Baia di Fregene porta il mare nei piatti

Sabrina de Feudis |   12 Luglio 2019

Chef Protagonisti

Lele Usai e la sua cucina di mare

Livia Belardelli |   2 Luglio 2019

Ristorazione

Panunta, coratella, scampi e cipolla caramellata

Lele Usai |   2 Luglio 2019

Aziende

Fattoria Tellus a fianco del Bambino Gesù: Fattoria Tellus

Elvia Gregorace |   1 Luglio 2019

Aziende

Il progetto che regala nuova vita ai tappi

Redazione |   28 Giugno 2019

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

[ap_instagram_slider]