Condividi

L’Agguato // Storie di Roma // Claudio Gargioli

di Claudio Gargioli | 23 Maggio 2018
L’Agguato // Storie di Roma // Claudio Gargioli

Il fatto era che il suo corpo, sgraziato ed ingombrante, faceva un rumore, ogni volta che tentava di muoversi, veramente fastidioso.

La luce, che filtrava da sotto la porta, era la prova che lei ancora non dormiva. Si fece coraggio. Si rassicurò pensando che aveva fatto tutte le cose per benino e che quindi lei non poteva immaginare neppure lontanamente che in quel momento lui, scalzo e sudato per la tensione, si trovava tra il salotto e la cucina con il coltello tra le mani.

Eh sì! Riuscire a prendere il coltello era stato il suo capolavoro. Lo aveva sfilato dal cassetto facendo in modo che lei non se ne accorgesse; infatti, mentre era intenta a preparare uno dei suoi deliziosi dolci che poi avrebbe consumato il giorno dopo durante il solito tè con le amiche, se l’era fatto scivolare nella manica della giacca senza fargli fare il benchè minimo rumore. Sapeva benissimo che prenderlo a quell’ora della notte sarebbe stato impossibile: il rumore l’avrebbe certamente svegliata. Ora era tra le sue mani e presto sarebbe stato utilizzato. Provò a fare un piccolo passo. Macchè! Troppo rumore. Il sudore gli imperlò la fronte e allora si rassegnò ad aspettare che la luce si spegnesse e, come un gatto in agguato, non si mosse più. Passò mezz’ora. Un’eternità per lui! Finalmente fu il buio. Aspettò ancora dieci minuti. Silenzio. Si fece nuovamente coraggio e, cautamente, aprì la prima porta (aveva oliato bene i cardini) non cigolò. Avanzò nella stanza buia fino ad intravedere l’altra porta. Un fascio di luce e gelo lo colpì in pieno. Tremò dall’eccitazione. L’acciaio del coltello brillò freddo tra le sue mani. Affondò il primo colpo con perizia, il secondo da vero maestro. La fetta di dolce scivolò docilmente tra le sue mani grassocce. “ La dieta? “ mormorò la sua coscienza. “Osvaldo!” urlò una voce che fece irrigidire la sua bocca pronta a mordere. Si voltò disperato e, vedendola sulla soglia della cucina, gridò: “Mamma! E che cazzo! Non dormi mai!“

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Ricetta di Donna

Maria Provenza: “La mia ricetta di donna? Trasparenza e rispetto”

Fabio Castelli |   27 Maggio 2020

We Love Tasting

Elisabetta Geppetti: “Export ripartirà, Italia al rallentatore”

Manuela Zennaro |   27 Maggio 2020

News

Olio Tamia, tradizione e innovazione Made in Tuscia

Giusy Ferraina |   26 Maggio 2020

#whateverittakes

Agivi, Violante Gardini: “Facciamo sentire la nostra voce”

Sabrina de Feudis |   26 Maggio 2020

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

We Love Tasting

Conte Vistarino, i custodi del Pinot Nero

Manuela Zennaro |   21 Maggio 2020

News

Nasce “Nero”, il primo sake italiano

Giusy Ferraina |   20 Maggio 2020

News

The Fork lancia i dining bond, “salviamo i ristoranti”

Fabio Castelli |   20 Maggio 2020

Bio Food

Agricola Paglione, il biologico è il futuro della terra

Sabrina de Feudis |   18 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.