Condividi
Innovazione

La Brand Identity. Il Cuore e la Voce del format // FOOD EXPERIENCE

di Dario Laurenzi | 17 Maggio 2018
La Brand Identity. Il Cuore e la Voce del format // FOOD EXPERIENCE

Un tempo quando si parlava di brand con riferimento a un locale, se ne intendeva semplicemente il nome, oggi, invece, sappiamo che c’è molto di più dietro alla scelta del naming.
Possiamo definire il brand e la sua Brand Identity come le colonne portanti del format, dove lo slogan o pay off hanno il compito di raggiungere con un messaggio semplice il “cuore” delle persone. Perché ne raccontano l’identità, il mood e l’estetica ma soprattutto dialogano con il target di riferimento.

In altre parole, si tratta dell’essenza, del cuore dell’azienda stessa.

img3 copia

 

Pensate ai famosissimi “Just Do It” (Nike), “Dove c’è Barilla c’è casa”, “I’m lovin it” (Mc Donald’s), “Think Different” (Apple), “Irresistibile scioglievolezza” (Lindt), “Yes, We Can“ (Barack Obama).

Come dico sempre, l’andare a “mangiar fuori” va oltre il piacere di un buon prodotto gastronomico, ma la qualità dell’offerta è sempre prioritaria!

È evidente che oggi il cliente è alla ricerca di qualcosa di più in un mercato fatto da una proposta sempre crescente e sempre più diversificata, di una clientela che sempre più con pochi click si trova di fronte offerte, storie e prodotti da ogni angolo del mondo e da una rete che sempre di più cerca di targettizzare ed influenzare il pubblico.
Pensiamo all’architettura ad esempio, come più volte abbiamo detto, è conclamato che oggi l’ambiente di un locale pesa in maniera determinante sul giudizio del cliente. Allo stesso modo vale per l’identità di un format e forse anche di più. Perché se l’architettura la si apprezza soprattutto dal vivo, il brand può sempre colpire l’attenzione del cliente, spingendolo a scegliere un format piuttosto che un altro.

_ADL0361 copia

 

In una realtà di “ipercomunicazione”, dove tantissime aziende adottano strategie integrate online e offline per comunicare la propria realtà, vi assicuro che la Visual Identity può davvero fare la differenza.

In maniera più o meno conscia, il cliente acquisirà i valori del brand del format comodamente seduto al tavolo del ristorante. Come? Valutando il naming, interpretando il menu, guardandosi attorno, osservando le pareti, giocherellando con la tovaglietta sotto il piatto… Sono tanti gli elementi che possiamo caratterizzare graficamente e in modo coerente con i valori del brand del format.

In che modo si dà forma alla Brand Identity?

Alla Laurenzi Consulting il nostro Direttore Creativo lavora a stretto braccio con Architetto, Chef e Head of Strategy, perché siamo convinti che solo così possa nascere una vera identità capace di rappresentare in maniera uniforme e chiara il prodotto, il mood del locale e la sua comunicazione.

Senza considerare che gli elementi che costituiscono l’identità sono davvero tanti, a partire dalla’ideazione del naming per terminare con la scelta del packaging per l’asporto e le divise per il personale.

DSC_2874

 

Uno dei più efficaci è senza dubbio il menu, uno strumento di comunicazione che se scritto e pensato in maniera giusta, vi assicuro che sarà un abile strumento di vendita che inciderà sul fatturato anche del 20-30%! Si chiama appunto Menu Engineering.

Sul piano della Brand Reputation, il menu può rimarcare i valori del format in maniera determinante. Basti pensare a uno dei nostri progetti più recenti, l’Enoteca Bulzoni.

IMG_0439ok copia

 

Un luogo che nasce nel 1929 come bottega di vini e oli, con una forte identità alle spalle. La sfida è stata proprio quella di realizzare un restyling per dare contemporaneità al locale senza intaccare la sua anima, inserendo una cucina al servizio del vino. Ecco perché il menu dell’offerta food dell’Enoteca Bulzoni si trova dentro alla carta dei vini, a rimarcare il fatto che il vino è il vero protagonista di questo locale.

LC_logo018-02

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Bio Food

Batte in Sabina il cuore bio dell’extravergine Tenimenti Marotta

Sabrina de Feudis |   1 Giugno 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Frittelle di banana

Francesco Apreda |   29 Maggio 2020

Ricetta di Donna

Maria Provenza: “La mia ricetta di donna? Trasparenza e rispetto”

Fabio Castelli |   27 Maggio 2020

We Love Tasting

Elisabetta Geppetti: “Export ripartirà, Italia al rallentatore”

Manuela Zennaro |   27 Maggio 2020

News

Olio Tamia, tradizione e innovazione Made in Tuscia

Giusy Ferraina |   26 Maggio 2020

#whateverittakes

Agivi, Violante Gardini: “Facciamo sentire la nostra voce”

Sabrina de Feudis |   26 Maggio 2020

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

We Love Tasting

Conte Vistarino, i custodi del Pinot Nero

Manuela Zennaro |   21 Maggio 2020

News

Nasce “Nero”, il primo sake italiano

Giusy Ferraina |   20 Maggio 2020

News

The Fork lancia i dining bond, “salviamo i ristoranti”

Fabio Castelli |   20 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.