Condividi
Innovazione

I valori di Manaide tra tradizione e sostenibilità // Un’Azienda al giorno

di Redazione | 31 Ottobre 2018
I valori di Manaide tra tradizione e sostenibilità // Un’Azienda al giorno

La MANAIDE ad Anzio, tra il 1700 e gli inizi del ‘900, era il nome dell’imbarcazione e delle reti  più utilizzate per la pesca del pesce azzurro.

manaide_spezzastorie.6

La costruzione del nuovo porto (‘700)  consentì l’approdo sicuro per tanti pescatori provenienti dalle isole del sud e dalla Campania, attirati dalla varietà e dalla abbondanza di pesci! E’ così che  insieme alle tecniche di pesca si mescolarono anche le tradizioni, le ricette e i metodi di conservazione.

Ed è così che nel 2013, da un’idea di Luigi Crescenzi e Angela Capobianco, nasce l’azienda MANAIDE, un vero e proprio laboratorio artigianale di conserve tradizionali con ingredienti pregiati e pesce sostenibile appena pescato nel nostro mare laziale.

apristoria.2_manaide

Nel medioevo la pesca più diffusa era quella delle sarde e delle alici che avveniva dalla primavera all’inizio dell’autunno. Le alici e le sarde invendute venivano sottoposte alla salagione e diventavano proteine preziose e fruibili per tutto l’inverno.

Oggi come allora, le alici dopo essere state decapitate ed eviscerate, vengono conservate a strati sovrapposti intercalati da uno strato di sale in appostiti contenitori chiamati cugnetti, alla cui sommità viene posto un tappo di legno chiamato tompagno e sopra un peso che con il progredire della maturazione viene diminuito.

Lavorando solamente pesce fresco e appena pescato, il laboratorio è perpetuo: non ha un tempo proprio ma si adatta alla benevolenza del mare, alla fortuna dei pescatori e quindi alla disponibilità del pescato. Una sostenibilità nel rispetto delle stagioni e delle biodiversità  che elimina gli sprechi industriali e valorizza una materia unica.

AHAGFAHLKHJYFH

Seguendo questi criteri di biodiversità e sostenibilità vengono selezionate solo le specie che non rischiano l’estinzione; hanno un ciclo di vita breve e quindi non accumulano metalli pesanti; hanno una taglia minima che garantisca che già si siano riprodotti; hanno caratteristiche organolettiche eccellenti e salutari.

Un’alleanza senza compromessi tra Manaiede, il mare, i pescatori e i consumatori affinché il pesce pescato, e non allevato, abbia il giusto valore e non diventi una rarità.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

We Love Tasting

Conte Vistarino, i custodi del Pinot Nero

Manuela Zennaro |   21 Maggio 2020

News

Nasce “Nero”, il primo sake italiano

Giusy Ferraina |   20 Maggio 2020

News

The Fork lancia i dining bond, “salviamo i ristoranti”

Fabio Castelli |   20 Maggio 2020

Bio Food

Agricola Paglione, il biologico è il futuro della terra

Sabrina de Feudis |   18 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Granita di fragole in salsa al cioccolato bianco

Francesco Apreda |   15 Maggio 2020

#whateverittakes

Cinelli Colombini alle donne del vino: coraggio, non mollate

Sabrina de Feudis |   14 Maggio 2020

#whateverittakes

Palombini: business del catering da reinventare

Manuela Zennaro |   13 Maggio 2020

News

La Salsa Alfredo racchiusa in un vasetto

Giusy Ferraina |   12 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.