Condividi
News

LSDM 2019 farà parlare gli chef di: sostenibilità, etica ed estetica

di Redazione | 27 Settembre 2019
LSDM 2019 farà parlare gli chef di: sostenibilità, etica ed estetica

Per il dodicesimo anno LSDM riunisce i migliori chef ed esperti del panorama gastronomico italiano e mondiale per discutere di sostenibilità, etica ed estetica, tematiche sempre più attuali nel mondo dell’alimentazione, martedì 1 e mercoledì 2 ottobre al Savoy Beach Hotel di Paestum. LSDM 2019 vuole trattare questi temi, utilizzando gli chef sotto una veste differente, liberandoli dalle giacche, fuori dalle cucine, rendendoli protagonisti di veri e propri tavoli di lavoro per affrontare attraverso le proprie esperienze delle tematiche così importanti.

«Una scelta – sottolineano Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori di LSDMche nasce dall’esigenza di porre sotto la lente di ingrandimento gli aspetti culturali e per così dire “umanistici” dell’alimentazione. Un gesto a nostro avviso necessario per comprendere appieno “l’universo” che si nasconde dietro al piatto, andando oltre la tecnica del singolo interprete».

Per questo motivo, per la prima volta, a fare da relatori non saranno solo grandi chef anche una serie di studiosi e professionisti del settore, figure essenziali per un approccio interdisciplinare all’argomento cibo. Saranno presenti anche alcune tra le più prestigiose firme del giornalismo enogastronomico, per un focus sull’editoria e sul corretto ruolo dell’informazione. Occhi puntati anche sulla formazione con il contributo del direttore del Dipartimento di Agraria della Federico II e dell’ALMA (scuola internazionale di cucina italiana). Un focus sulla pizza attraverso i protagonisti del settore, premiati da 50 Top Pizza, per discutere sul ruolo del pizzaiolo contemporaneo a Napoli. Uno sguardo sarà rivolto agli chef che hanno abbandonato il Paese come: Umberto Bombana e Mario Gamba, riuscendo a diffondere all’estero la cultura gastronomica italiana. L’importanza dell’alimentazione mediterranea sarà affrontata utilizzando gli studi avviati negli anni ’50 da Ancel Keys, attraverso degustazioni tecniche di vino, pasta di Gragnano IGP, olio extravergine d’oliva, caffè.

A chiudere i due giorni di lavoro ci sarà Alain Passard, tristellato francese – vincitore dello Chef’s Choice Award per 50 Best Restaurants 2019 – celebre anche per aver aperto le porte al mondo vegetale e ai temi moderni come nessun altro prima. Per la prima volta LSDM 2019 promuoverà un evento completamente eco-friendly, utilizzando solo materiali riciclabili, perché il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente partono anche da queste iniziative. Inoltre sarà possibile, attraverso l’accredito all’evento, effettuare una donazione di 50 euro, che sarà devoluta direttamente al Parco Archeologico di Paestum.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Agricolus, la startup per l’agricoltura di precisione

Fabio Castelli |   13 Luglio 2020

Bio Food

Delizie del Pollino: il peperone crusco di Senise IGP

Sabrina de Feudis |   13 Luglio 2020

Bio Food

Umami, il gusto saporito dell’aglio nero

Sabrina de Feudis |   6 Luglio 2020

#whateverittakes

Niko Romito:”Sì a nuova cultura del cibo e ad accesso democratico”

Sabrina de Feudis |   30 Giugno 2020

Bio Food

I grani antichi di Leonardo Petruccelli

Sabrina de Feudis |   26 Giugno 2020

We Love Tasting

Roberto Lechiancole, il “monsieur” dell’Oltrepò Pavese

Manuela Zennaro |   25 Giugno 2020

#whateverittakes

Roberta Capua, l’amore per la famiglia e il ritorno in Tv

Sabrina de Feudis |   23 Giugno 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.