Condividi
News

I sapori di Sicilia raccontati ne “I Gioelli del Gusto”

di Giusy Ferraina | 6 Aprile 2021
I sapori di Sicilia raccontati ne “I Gioelli del Gusto”

La bellezza di un’isola ricca, gustosa, antica e affascinante come la Sicilia trova forma in un progetto che mette insieme gli elementi peculiari di una terra che fa innamorare tutti. I colori e i sapori si sintetizzano perfettamente in oggetti pensati appositamente per omaggiare la Sicilia e in un certo modo portarla con sé. Isola Bella è l’azienda che siamo andati a conoscere, nata per raccontare il Mediterraneo con un’esclusiva linea di gioielli. Le loro creazioni sono piccole opere d’arte Made in Italy, ogni pezzo è disegnato, lavorato e smaltato dalle mani di sapienti artigiani.

Sicuramente vi starete chiedendo cosa c’entrano i gioielli con il buon mangiare e i sapori siciliani. Vi assicuriamo che c’è una forte connessione, perché qui tutto ciò che è bello diventa anche buono, con la realizzazione di una linea molto particolare, i Gioielli del Gusto, che ci siamo fatti raccontare da Alessio Strano CEO di Isola Bella Gioielli.

L’idea de I Gioielli del Gusto nasce dalla voglia di far conoscere sempre più le preziosità culinarie siciliane, nata già da qualche tempo, ha trovato la giusta collocazione all’interno dei Gioielli Isola Bella proprio come prosecutio di valore unico e pregiato. Hanno fatto da apripista, in occasione dello scorso Natale, due gustosissimi panettoni dal sapore originale studiato appositamente per il brand per dare spazio anche a diverse bontà come paste di mandorla, paste di pistacchio tocchetti di torrone croccante, e tante altre prelibatezze. Il paniere dei prodotti è arricchito anche da un amaro e da un pregiato metodo classico brut Etna Doc millesimato”.

Isola Bella Gioielli, come abbiamo detto, non è solo I Gioielli del Gusto, ma un progetto che racconta la Sicilia attraverso la bellezza di un bijoux. E Alessio Strano ci spiega in dettaglio come questi nascono e vengono lavorati: “Isola Bella Gioielli nasce come brand di bijoux, inizialmente le iconografie siciliane sono state protagoniste, via via i gioielli hanno richiamato veri e propri prezzi di territorio e da qui le diverse collezioni riconducibili al mare, al vulcano e a tutta la naturale bellezza che ci circonda in Sicilia. I nostri gioielli tutti rigorosamente in argento sterling 925, vengono lavorati attraverso la microfusione a cera persa, un’antichissima tecnica laboratoriale, per poi essere smaltati manualmente e minuziosamente”.

La cosa che cattura l’attenzione e la curiosità di questo progetto “mix and match” è che non ha come obiettivo solo la valorizzazione di un prodotto, ma che sa parlare di un territorio e ancor di più sa creare sinergia e lavoro in un circuito economico virtuoso.

Esattamente. Questo non vuole solo essere un progetto finalizzato alla conoscenza di prodotti gastronomici fini a sé stessi, la visione è ben più ampia – ci spiega il Ceo di Isola Bella. Viene dato risalto al prodotto ed entra all’interno de I Gioielli del Gusto proprio perché legato inevitabilmente ad una determinata connotazione territoriale, non a caso ogni ingrediente “parla” della provenienza e richiude i sapori e i profumi di un pezzo della nostra terra. Di riflesso le sinergie che si creano tra le varie aziende tutte rigorosamente di carattere artigianale, hanno un peso importantissimo sia da un punto di vista territoriale, agganciandoci sempre alle eccellenze legate alla nostra isola, che economico e creano quindi sempre più sviluppo lavorativo”.

Pasqua è passata da poco e protagoniste in casa Isola Bella Gioielli sono state le colombe pasquali firmate “I gioielli del gusto”, una novità assoluta che sanno raccontare la biodiversità dell’isola. Due le varianti proposte: la colomba tradizionale, arricchita con cedro Amaravigghia e glassata con le mandorle intere siciliane, un assaggio di primavera reso ancora più intenso dalla zagara e dagli oli essenziali di agrumi e la versione pesca e gocce di cioccolato bianco, più ricercata e golosa, un dolce lievitato da forno molto soffice impreziosito da oltre il 20% di succosa pesca semicandita a cubetti e micro gocce di puro cioccolato bianco belga. “La solennità della Pasqua è un’occasione per esprimere ancora una volta il racconto di un territorio e della sua vocazione all’eccellenza enogastronomica – spiega Alessio Strano – la nostra linea ‘I gioielli del gusto’ è una collezione di prodotti che rappresentano delle eccellenze regionali, via via stiamo costruendo un paniere siciliano per offrire una selezione di proposte di alto profilo che valgono un viaggio sensoriale in Sicilia da gustare con occhi e palato. Inoltre siamo fieri di questa sinergia con i piccoli imprenditori locali che crea economia e occupazione: le nostre colombe nascono dalle mani di 30 giovani artigiani, con un impiego all’80% di ragazze, dedicate in particolare alle decorazioni e al confezionamento tra incarti, fiocchi e packaging finale”.

E a proposito di packaging, c’è molto colore nei pack e nelle creazioni, tinte che mettono allegria e che soprattutto rappresentano la bellezza di un’isola mediterranea come la Sicilia. Ma si può rappresentare il sapore con il colore? E di che colore sarebbero le bontà proposte da Isola Bella Gioielli?

Come sottolinea Alessio Strano: “Secondo noi i nostri prodotti possiedono tutti i colori immaginabili, soprattutto perché ogni ingrediente in natura ne ha uno proprio e tali mix, uniti ai sapori e a i profumi degli stessi fanno sì che definirli solo con un colore specifico non rispecchierebbe la nostra azienda”.

Ma I Gioielli del Gusto non sono solo le Colombe, come prima accennava l’ideatore di questo progetto i prodotti esclusivamente artigianali sono diversi e si stanno ampliando nel tempo in varietà e numero. C’è il tris di creme spalmabili di pistacchio, cioccolato siciliano extrafondente, con zucchero mascobado grezzo e un pizzico di cannella, e crema di mandorla, con pezzettini di mandorle siciliane per chi ama il gusto avvolgente della Sicilia. E poi ci sono le creme di agrumi di Sicilia: gusto limone, gusto arancia e gusto mandarino, tutti frutti coltivati alle pendici del vulcano Etna. Dedicato a chi ama gli agrumi e ideali da abbinare anche a formaggi stagionati, oltre che ai dolci.

C’è poi l’Amaro Amaravigghia, digestivo ottenuto dall’infusione del cedro Mani di Buddha, dal sapore dolceamaro dato dalle essenze di arancia rossa in combinazione conle erbe spontanee che crescono all’ombra del Versante Nord dell’Etna. E anche lo spumante metodo classico dell’Azienda Vincenzo Trigona da uve Nerello Mascalese, vitigno autoctono dell’Etna.

Ma chi c’è dietro le creazioni di gusto di Isola Bella Gioielli, chi sono i pasticceri, chi sceglie le materie prime, chi pensa ai prodotti?

Dietro alle creazioni de I Gioielli del Gusto ho messo tutto me stesso, ci racconta con la passione negli occhi Alessio Strano. Anima, corpo, mente e palato per portare avanti il progetto di valorizzazione del Made in Sicily e di tutto ciò che la terra sforna in termini di risorse e aziende. Naturalmente poi nel portare a tavola un determinato prodotto sono coadiuvato da un team che è formato da una rete di aziende esclusivamente artigianali che prendendo a cuore il progetto, sviluppano il prodotto finale. Tutto il lavoro creato a monte, prima che lo stesso sia vestito del suo elegante pack, è frutto di un lavoro che avviene sempre in sinergia con i produttori

Moda e gusto, arte e sapore. Un progetto che potrebbe essere replicato per tutte le regioni, considerando che l’Italia è uno scrigno di bellezze e di opere d’arte. “Sì, ma per adesso il progetto tende a valorizzare il made in Sicily, ma in futuro chissà, anzi sarebbe sicuramente interessante e stimolante poter interpretare tutto lo splendido panorama mediterraneo”.

Sperando che l’invito venga colto, noi intanto rimaniamo in attesa di scoprire e assaggiare i nuovi Gioielli del Gusto.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Luca D’Attoma, l’enologo dei record

Sabrina de Feudis |   30 Aprile 2021

News

Covid, tornano gli “orti di guerra”

Giusy Ferraina |   27 Aprile 2021

News

La ‘Nduja, regina di Calabria

Giusy Ferraina |   20 Aprile 2021

News

Tenuta di Capezzana e la storia del suo Carmignano

Sabrina de Feudis |   15 Aprile 2021

News

In giro per Tropea, Borgo dei Borghi 2021

Giusy Ferraina |   13 Aprile 2021

#NoMoreExcuses

Antonio Galatà: “Mangiare più pasta è un gesto sostenibile”

Fabio Castelli |   8 Aprile 2021

News

Il linguaggio universale della pizza

Mirko Limiti |   7 Aprile 2021

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.