Condividi
Chef Protagonisti

Una ventata di pasta fresca: Salvatore Testagrossa Nuovo Executive Chef di Centro

di Dominique De Gerolamo | 12 giugno 2018
Una ventata di pasta fresca: Salvatore Testagrossa Nuovo Executive Chef di Centro

La primavera ha portato una ventata di aria fresca per Centro o, sarebbe meglio dire, di pasta fresca!

Nella cucina del ristorante di Via Cavour 61 si è affacciato lo Chef Salvatore Testagrossa che, dopo le esperienze professionali presso Baccano, La Zanzara e Vos, ha deciso di portare il suo talento e la sua dedizione per le materie prime nella cucina di questo locale.

È per me l’inizio di una nuova avventura che accetto con tanta energia e voglia di fare. Ho lavorato in Francia, in Inghilterra e in Italia, dove ho collaborato con alcuni noti locali della capitale. Amo in modo viscerale il mio lavoro e quando realizzo un piatto voglio che il cliente si senta appagato, che riviva i sapori della famiglia” dichiara il nuovo Executive Chef di Centro.

thumbnail_CHEF Salvatore testagrossa

LA PASTA FRESCA

Come avrete capito, una delle più grandi passioni dello Chef Testagrossa, ereditata dalla madre, è la realizzazione della pasta fresca. Come afferma lui stesso “Comprare la pasta è quasi offensivo per uno chef”  ed è per questo motivo che il grande bancone presente all’ingresso è diventato un grande laboratorio a vista; qui lo chef quotidianamente impasta fettuccelle, tonnarelli, ravioli e gnocchi.  I clienti possono così assistere alla nascita della pasta, dalla creazione alla lavorazione, scoprendo i segreti dell’impasto e assaggiando i primi piatti realizzati dallo chef.

thumbnail_CHEF- Salvatore Testagrossa

IL MENU

Il locale coniuga le diverse esigenze della clientela, a tutte le ore della giornata, dalla colazione alla cena, passando per il pranzo e l’aperitivo. Si parte la mattina alle 8.30 sia con una ricca breakfast intercontinentale con sandwich, croque madame e croque monsieur servite con chips di patate, che con una gustosa colazione all’italiana comprensiva di cornetti artigianali, pane, burro e marmellata, centrifughe e dolci fatti in casa.

Si prosegue con il menu à la carte, uguale sia a pranzo che a cena, ideato dallo Chef. Una cucina fatta di piatti concreti, dettata dall’alternarsi delle stagioni e dalla lunga esperienza dello chef che, coadiuvato dal sous chef Lorenzo Freddi, studia ogni aspetto per andare incontro ai gusti della clientela. Un menu disponibile anche durante il brunch della domenica, un appuntamento divenuto imperdibile per i clienti di Centro.

Per iniziare, si consiglia l’Insalata di polpo verace con mattonella di patata americana, salsa di agrumi, capperi, olive taggiasche e cipolla rossa di Tropea e il Tris di crostini gourmet con burrata di Andria come ad esempio quello con cipolla brasata e gambero marinato al lime. Poi è la volta dei primi fatti in casa, spiccano gli Gnocchi di patate all’Amatriciana con pomodoro dell’azienda agricola Paglione, guanciale del viterbese e pecorino romano Dop; gli Spaghetti di prezzemolo con ricci di mare e polvere di lime e ancora il Tonnarello cacio e pepe con polvere di cozze disidratate, menta “Hierbabuena” fritta, pecorino romano Dop e pepe di Sichuan. Tra i secondi troviamo Il trancio di branzino pescato alla piastra con verdure al wok, crumble di nocciole e maionese ai lamponi e il Tataki di tonno pinna gialla con caponatina siciliana, coulis di menta, basilico e polvere di cocco.

Una sezione del menu è dedicata alla gastronomia con salumi e formaggi accuratamente selezionati, e ai fritti che comprendono Baccalà in tempura croccante in salsa agrodolce, Gamberi “bum bum” marinati alla tequila “Espolon Blanco” con sale maldon affumicato e succo di lime e Alici fritte panate con basilico, limone e maionese home made al peperoncino. Chiudono il menu i dolci, creati dalla chef pâtissier Irene Corbucci. Impossibile resistere al Maritozzetto al Tiramisù, alla Sfera di Cioccolato fondente con spuma al Bailey’s e crumble di nocciola e al Profiterole Scomposto.

Interessante e variegata la carta dei vini, altra grande passione dei proprietari, che presenta un’ottantina di etichette fra grandi e piccoli produttori del territorio italiano.

thumbnail_ANTIPASTI-Tris di burrata dAndria. Colatura di alici di Cetara e cicoria ripassata cipolla brasata e gambero al lime colatura di alici di Cetara e cipolla rossa di Tropea

IL COCKTAIL BAR

Da Centro ogni occasione è giusta per degustare i cocktail abilmente realizzati dal capo barman Fabio Fedele con la collaborazione della barlady Simona Giampaolo. Dall’aperitivo pomeridiano, che prevede un drink con un piatto espresso della cucina, fino al dopocena, gli appassionati di miscelazione potranno lasciarsi conquistare dalla ricercata cocktail list targata Centro. I due esperti di mixology, Fabio e Simona, hanno ideato una serie di proposte di alto livello, tutti gli sciroppi sono home made e la scelta dei distillati è ampia e di qualità. Imperdibili l’Americanino, il Celery Fizz e l’Holland Bloom; eccellenti tutti gli altri cocktail, fra i quali segnaliamo anche il Te Mato, l’ Apocalypto, il Clover Club e il Bulle(i)t over Broadway.

 

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Ristorazione

Intervista ad Antonio Casillo: Maître per passione

Valerio Massimo Visintin |   16 ottobre 2018

Aziende

Varvaglione, una storia ricca di passioni // Un’Azienda al giorno

Eleonora De Venuti |   15 ottobre 2018

Cocktail

MY HUGE PUMPKINS // Wine Cocktail

Elvia Gregorace |   13 ottobre 2018

AGENDA

Nuove aperture

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

di Excellence Magazine  | 16 luglio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram