Condividi
Innovazione

Non è romana, non è napoletana: la pizza Berberè è Pop

di Redazione | 18 luglio 2017
Non è romana, non è napoletana: la pizza Berberè è Pop

2 giovani imprenditori, 80 dipendenti, 6 locali in tutta Italia, 1 locale a Londra e una sola grande passione: quella per una pizza buona, artigianale ed a prezzi accessibili.

Il progetto, fondato nel 2010 a Bologna, nasce dalla pazza idea dei due giovani fratelli calabresi Matteo e Salvatore Aloe, i quali decisero di rivoluzionare il cibo popolare italiano forse più conosciuto al mondo, sicuramente il più bistrattato: la pizza, rendendolo un piatto a tutti gli effetti, ma mantenendo la sua anima pop, senza sofisticazioni gourmet.

Matteo_e_Salvatore_Aloe2

La pizza berberè, infatti, non rientra in nessuna etichetta: non è romana, non è napoletana, né tantomeno gourmet. “La terza via delle pizza”, così com’è stata definita quella di Berberè, è una pizza artigianale, stagionale, leggera e gustosissima, ottenuta con farine semintegrali biologiche macinate a pietra, lievito madre vivo rinfrescato ogni giorno e lenta fermentazione (24h), così da renderla più leggera e digeribile. Divisa in 8 fette, per essere condivisa con amici e parenti, si caratterizza per una lavorazione non sottile dell’impasto che permette un pieno sviluppo degli alveoli, per una pasta leggera dentro e croccante fuori.

IMG_4740

Berberè offre un menù stagionale, composto da una quindicina di pizze, con particolare attenzione per le proposte vegetariane, realizzate con l’impiego di prodotti di altissima qualità, molti dei quali  certificati biologici, provenienti da contadini ed allevatori scelti secondo parametri di lavoro, di impiego della terra e di lavorazione delle materie prime a “zero compromessi”. Così nella farcitura della pizza viene utilizzato il Pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, il Fiordilatte bio Querceta, le carni della Macelleria Zivieri di Monzuno (BO), i capperi di Salina, la bufala bio Ponterè di Cancello di Arnone. Sono presenti anche alcuni presidi di Slow Food e prodotti Libera Terra, il tutto a prezzi accessibili.

IMG_4727

Anche a Roma, uno dei punti di forza del locale è proprio la formula di condivisione. Con il loro motto “La pizza è il piatto italiano più conviviale che ci sia, perchè farsela da soli?”, i fratelli Aloe hanno inventato e promosso una formula degustazione che permette ai commensali di assaggiare più gusti, assaporarla sempre calda, chiacchierare durante il pasto e accompagnarla con birre artigianali, vini biodinamici e bevande italiane.

Puntarella Rossa

Puntarella Rossa

Il locale romano, composto da diverse sale distribuite su due piani con cucina a vista, vuole omaggiare l’atmosfera delle fabbriche storiche degli anni ’50, sia nella scelta delle luci utilizzate, sia negli arredi interni, che mixano pezzi di antiquario originali e contemporanei, ma dal mood vintage, ad elementi grafico-artistici ipercolorati creati ad hoc dai writers Nabla&Zibe, come le grafiche appese alle pareti che rivisitano le icone del classicismo romano in versione pop ed i wall painting in stile urban della sala d’entrata.

Fine Dining Lovers

Nel ristorante di via Mantova 5 lavora uno staff di giovani artigiani del cibo, formati e seguiti da Massimo Giuliana, tecnico degli impasti e in squadra fin dall’inizio, dal romano Alessandro Proietti Refrigeri, chef coordinatore delle cucine di tutti i locali Berberè, e personalmente da Matteo Aloe, chef e socio fondatore del progetto. L’idea, anche per questo locale, è infatti quella di una gestione diretta, per salvaguardare l’artigianalità del prodotto, mantenendo un rapporto quotidiano con dipendenti e fornitori, nel rispetto del lavoro e della clientela. Berberè rifiuta, infatti, la logica della catena e prosegue nella crescita di un team affiatato interno all’azienda.

Di nuovo a Tavola

Di nuovo a Tavola

L’essenza e la sfida di Berberè è proprio il “lavoro” nel senso di “mestiere”, il tramandare una professionalità frutto di esperienza e di saperi. La formazione continua del proprio staff permette a Berberè di aprire nuovi locali avendo un personale altamente capace, istruito e consapevole che, a suo volta, può formare nuovi artigiani ed artigiane per trasmettere questa nuova “filosofia” della pizza.

DSC_5769

Il locale è aperto tutti i giorni dalle 19:00 alle 23:30 e a pranzo il sabato e la domenica dalle 12.30 alle 14.30.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

Lascia un commento

avatar
wpDiscuz

ULTIME

Notizie

Aziende

Carlo Caporicci e i tartufi della Tenuta San Pietro a Pettine

Lorenzo Coletta |   18 dicembre 2017

Formazione

Profumi di Puglia nel cuore di Mosca, la storia di Fabio Aloisio

Paola Maruzzi |   15 dicembre 2017

Gli Eventi

Sabato 16 Dicembre, Be Spontaneous & Drink Birra del Borgo

Redazione |   14 dicembre 2017

Gli Eventi

NIGHT FOR CHANGE: il cambiamento comincia da Noi.

Redazione |   13 dicembre 2017

L'Intervista

Il Margutta & il Nuovo “Gourmet al Naturale” di Mirko Moglioni

Sara De Bellis |   13 dicembre 2017

Ristorazione

Ecrudo a Milano e i nuovi menù invernali

Redazione |   7 dicembre 2017

Gli Eventi

NUMERI da RECORD per la PRIMA EDIZIONE di ROMA GOLOSA

Sara De Bellis |   6 dicembre 2017

Gli Eventi

Il lunedì di ROMA GOLOSA: gli eventi da non perdere

Roberta Sferruzza |   4 dicembre 2017

Gli Eventi

I Pani & i Panettoni di ROMA GOLOSA

Roberta Sferruzza |   2 dicembre 2017

Aziende

Dal 2 al 4 dicembre tutte le strade portano a ROMA GOLOSA

Sara De Bellis |   1 dicembre 2017

AGENDA

Nuove aperture

Ristorazione

Apre Les Marionettes – Bio Art: luogo di arte, bellezza e scoperta.

di Excellence Magazine  | 17 novembre 2017

Ristorazione

Manforte, un posto buono per stare insieme

di Redazione  | 8 novembre 2017

Ristorazione

Prossima apertura: Cento, cresce il fenomeno gourmet della periferia romana

di Excellence Magazine  | 1 novembre 2017

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.