Condividi
Formazione

L’isola che non c’era: Intrecci // 4 Paroline con Iside

di Iside De Cesare | 5 giugno 2018
L’isola che non c’era: Intrecci // 4 Paroline con Iside

Foto da Alejandro Escamilla, Nils Stahl

Da anni ormai i ristoratori si chiamano l’un l’altro disperatamente alla ricerca di personale di sala. La ricerca è diventata sempre più ardua.

Incredibilmente mentre la figura dello chef, è stata esaltata e comunicata, quella dell’accoglienza è lentamente caduta nell’ombra.

I ragazzi hanno iniziato ad avvicinarsi sempre di più al mondo della cucina e sempre meno all’idea di divenire addetti di sala, forse vedendo questa seconda mansione come servile e poco affascinante.

In realtà un servizio di sala carente può inficiare il lavoro di una intera brigata di cucina, perché si va fuori anche e soprattutto con la voglia di sentirsi accolti e coccolati e con la speranza di ricevere il giusto consiglio al momento dell’ordine.

pepe-nero-88205-unsplash

Questo fenomeno è stato preso in considerazione sempre con più attenzione, si è parlato di una vera  e propria emergenza .

A rispondere prontamente a questo appello sono accorse le tre meravigliose Sorelle Cotarella, così amano definirsi, dando vita ad Intrecci – Scuola di alta formazione per i professionisti di sala.

Ho avuto l’onore di essere presente sia nella giornata inaugurale che di partecipare, cucinando, ad uno degli eventi da loro organizzati. Quest’ultima occasione, mi ha permesso di essere a contatto con i ragazzi che stanno frequentando il primo corso.

Intrecci è semplicemente l’isola ce non c’era, il luogo dove il tempo sembra essere sospeso. Entrando si respira passione, eleganza, e amore per la formazione.

Tutto è professionalità e allo stesso tempo, tutto è famiglia. In un’unica parola, Intrecci è eccellenza.

Nils Stahl

Nils Stahl

Ma se da un lato vorrei continuare a descrivere ogni angolo di questa realtà, dall’altro mi voglio invece soffermare su ciò che veramente mi ha colpito: lo sguardo dei ragazzi.

Insegnare è cosa difficile, necessita di competenza, conoscenza, pazienza e compostezza. Trasmettere è ancora più ardimentoso e ambizioso, solo chi ha una forte slancio per ciò che fa, può riuscirvi.

Negli occhi degli studenti si legge la passione trasmessa e allo stesso tempo l’ambizione sana del voler far bene senza improvvisazioni, ma con il grande supporto della cultura.

Buona fortuna e Grazie mille: Dominga, Enrica e Marta. Tre grandi donne per una grande sfida.

1 COMMENTO

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Mirella Sbaraglia Recent comment authors
Più recente Meno recente Più votato
Mirella Sbaraglia
Ospite
Mirella Sbaraglia

Io ho fatto questo lavoro gia a 13 anni
Fatto per diversi anni lavorato in diverse boutique famose ci vuole classe passione stile e voglia di lavore
Cose che nn esistono piu

ULTIME

Notizie

Ristorazione

Intervista ad Antonio Casillo: Maître per passione

Valerio Massimo Visintin |   16 ottobre 2018

Aziende

Varvaglione, una storia ricca di passioni // Un’Azienda al giorno

Eleonora De Venuti |   15 ottobre 2018

Cocktail

MY HUGE PUMPKINS // Wine Cocktail

Elvia Gregorace |   13 ottobre 2018

AGENDA

Nuove aperture

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

di Excellence Magazine  | 16 luglio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram