Condividi
Aziende

Sù: L’innovazione di Loretta Fanella

di Edoardo Savino | 9 Ottobre 2018
Sù: L’innovazione di Loretta Fanella

Si narra che Ada Campeol, di Treviso, proprietaria del ristorante “Alle Beccherie“, dopo aver partorito il suo primogenito volesse conciliare la propria attività ristorativa con l’allattamento del figlio.

Sempre la leggenda dice che stesse cercando “qualcosa che la tirasse su” e inizió a mescolare gli ingredienti fino ad ottenere il primo “Tirame sú“, italianizzato poi nel nostro “Tiramisú“.

la cucina italia.it

la cucina italia.it

Un’ altra versione, ma meno quotata vede, l’invenzione della ricetta in unbordello” trevigiano per migliorare le “prestazioni”dei clienti e a quanto pare uno dei più assidui frequentatori fosse proprio lo Chef del ristorante “Alle Beccherie”. In entrambe le versioni la componente femminile-in un modo o nell’altro- è stata fondamentale per la creazione della ricetta di uno dei dolci italiani più idolatrati della storia.

Tiramisudisegno

Ad oggi invece incontriamo una nuova versione che ha origini toscane (come quelle della pastry chef che ha generato la ricetta) ma risiede a Roma (sede del punto vendita dove potete degustarlo), vi parleremo di “Sú”: L’innovazione del tiramisù.

La rima è scontata. Cioè che non è scontata è la nuova idea di tiramisù creata da Loretta Fanella con la collaborazione di Paolo Parisi (il “re” delle uova) sotto la supervisione dei soci Luna Basaia (ex copywriter con esperienze nelle ristorazione), Carla Ladau (creatrice e illustratrice) e Carlo Mosso (organizzatore di eventi e produttore).

tirami-su

TiramiSù con una ricetta classica ma con un incredibile innovazione nella cialda tra la crema e il biscotto. All’interno della cialda croccante un cuore di cioccolato differente in base al gusto del tiramisù che bagnando il biscotto istantaneamente sprigiona tutto il suo sapore.

“La curiosità consiste nel far fare l’ultimo passo al cliente, rompere la cialda completa l’esecuzione del dessert.”

così Loretta Fanella – pastry chef con esperienze maturate presso lo Chef Cracco al “Cracco Peck” ed “Enoteca Pinchiorri” dove ha dato un impronta personale alla carta dei dessert.

182427816-bd3e502e-86b9-4a77-97f1-01d4ca234a07

Oltre al gusto classico al caffè risultano interessanti anche le versioni con nocciola, crema di pistacchio, frutto della passione e purea di mango. Da non sottovalutare neanche quello alle fragole e la versione per bambini con il Caffè decaffeinato.

Il tiramisù con tutte le sue variazioni- assaggiate in anteprima al Taste of Rome 2018– e’ disponibile presso il punto vendita di Via di Tor Millina 34 a soli due passi da piazza Navona.

 

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

Ho.re.ca

Daniele Lippi, nuovo chef di Acquolina

Redazione |   19 Giugno 2019

Ho.re.ca

“Con il Cuore nel Piatto” torna il 4 luglio 2019

Redazione |   17 Giugno 2019

Aziende

Nuove generazioni di Ricci Curbastro, la diciottesima

Giulia Mancini |   13 Giugno 2019

Aziende

Acquerello, una grande storia in una lattina di riso

Giusy Ferraina |   12 Giugno 2019

News

SNUPUZ, la ricetta di Massimo Viglietti

Massimo Viglietti |   3 Giugno 2019

Chef Protagonisti

Anima rock dalla musica al piatto, Massimo Viglietti

Livia Belardelli |   3 Giugno 2019

News

Pesciolino porta il sapore del mare nel centro di Roma

Sabrina de Feudis |   31 Maggio 2019

Eventi

Girotonno alla XVII edizione

Redazione |   30 Maggio 2019

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

[ap_instagram_slider]