Condividi
News

Lamezia Terme, l’angolo gourmet di Luigi Lepore

di Giusy Ferraina | 15 Settembre 2020
Lamezia Terme, l’angolo gourmet di Luigi Lepore

Poco più di un anno fa cominciava l’interessante e appassionato percorso di Luigi Lepore e del suo piccolo “regno” nel centro di Lamezia Terme. Un angolo di grande stile e modernità nel cuore della città vecchia, all’interno di un palazzo storico che guarda dall’alto la piazza, illuminata la sera dalla luce calda, che in estate regalano una bella atmosfera retrò.
Luigi Lepore e il suo ristorante, dopo la pausa forzata, riprendono con un po’ di timore e un nuovo menù a giugno. Timore subito spazzato via dalla voglia di dare forma e sapore al territorio e dalla conferma di un pubblico che aspettava questo ritorno.
Se l’esordio dello chef Lepore incuriosiva, ora a distanza di un anno il suo talento e la sua cucina sono grandi conferme, i suoi piatti hanno la firma di una personalità riconoscibile, che trova piena identità in una Calabria che della tradizione conserva tutto, ma la ridisegna totalmente.
Della tradizione di questa terra “bella e difficile”, della sua storia, del suo popolo Luigi Lepore ha preso ogni cosa: ha assorbito sapori, odori, sensazioni, dando vita alla sua visione gastronomica.

C’è una ricerca minuziosa e attenta, uno stile che mette insieme la tecnica, le materie prime del territorio e la creatività nell’idea di cucina di Luigi Lepore. Il risultato è un percorso in cui la Calabria viene interpretata nei colori, sapori e nei profumi in modo nuovo. Materie prime semplici, quelle di una terra contadina, si trasformano in sapore vero, equilibrato, complesso. Ed è proprio il sapore dei suoi piatti a conquistarti, frutto delle sue combinazioni che non puntano solo all’estetica.

C’è identità completa, sia di territorio che stilistica. La sua è una cucina di carattere che sa stupire e conquista portata dopo portata nel percorso di gusto fatto. In ogni piatto si trovano le sue note distintive, quel tocco di sapore che segna il suo stile. C’è la liquirizia, gli agrumi, i peperoni, elementi che si alternano e ritornano con consistenze diverse, con la loro dolcezza e le loro acidità come nel “Panino fritto con bufala, alice e limone” o la “Lingua di manzo, pesto di menta, crema di peperone, ribes rosso e olio di peperone alla brace” che della Calabria racchiude l’essenza dei profumi intensi.
Ogni creazione di Lepore è un’opera di colore che rapisce gli occhi e porta con sé un equilibro perfetto di consistenze e sensazioni. Il dolce e l’acido si sposano, così come le cremosità e le croccantezze, toni speziati e profumi leggermente esotici ti avvolgono il palato. Esempio assoluto, somma di quanto stiamo dicendo sono i “Tortelli di cipolla con ristretto di cipolla, burro affumicato, scorza d’arancia, gel di aceto e pecorino” e Il “Sorbetto di peperone e lampone con crema di yogurt e mascarpone e insalata di frutti rossi” nella cui composizione trovano spazio la liquirizia, il limone, il basilico e l’olio extra vergine d’oliva.
Le tecniche di cottura si esprimono al meglio nella morbidezza della “lingua” e dell’agnello e poi c’è anche tanta sperimentazione che ti porta a scoprire sapori finora sconosciuti come nel “Gelato di foglia di fico e uva fragola”, che rappresenta un viaggio in un paese ignoto.
Ad accompagnare la cucina di Lepore una carta dei vini che propone con orgoglio la regione (ma non solo): Gaglioppo, Magliocco, Pecorello, Greco Bianco proponendo prodotti e cantine di nuova generazione, con lavorazioni in anfora, cemento o naturale.
Luigi Lepore è uno dei protagonisti della rivoluzione gastronomica del Sud Italia, che porta la Calabria alla ribalta e la reinterpreta secondo schemi nuovi, che sanno provocare, raccontare ed emozionare. Da tenere sotto stretta osservazione.

La degustazione
STUZZICHI DI BENVENUTO
Panino fritto con bufala, alice e limone
Cialda al miele, crema di oliva verde, finocchietto e peperoncino dolce

ENTRÉE
Gelato di piselli e aspretto di arancia

ANTIPASTO
Lingua di manzo, pesto di menta, crema di peperone, ribes rosso e olio di peperone alla brace

PRIMI
Tortelli di cipolla, ristretto di cipolla, burro affumicato, scorza d’arancia, gel di aceto e pecorino
Risotto con burro al ginepro, limone, polvere di alloro, liquirizia e gin

SECONDO
Agnello, crema di latte di capra, melanzana, la sua buccia e melanzana marinata

PRE DESSERT
Gelato di foglia di fico e uva fragola

DESSERT
Sorbetto di peperone e lampone, angostura, liquirizia, pepe rosa, crema di yogurt e mascarpone, insalata di frutti rossi, limone marinato, basilico e olio extra vergine di oliva

PICCOLA PASTICCERIA
Tartelletta con caramello, passion fruit e origano
Cioccolatino al caffè con anice
Scrunch al cioccolato, mais e pop corn caramellato
Sfera di cioccolato bianco con 100% liquirizia e polvere di alloro

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Le Comete, i vini “stellari” di Alois Lageder

Sabrina de Feudis |   29 Settembre 2020

News

Eleonora Cozzella: “La pasta? è sempre di moda”

Giusy Ferraina |   22 Settembre 2020

News

Viticoltura in Irpinia: i vini di Cantina Riccio

Sabrina de Feudis |   21 Settembre 2020

News

De Stefani, quattro generazioni di Prosecco Superiore

Sabrina de Feudis |   16 Settembre 2020

News

La Cattiva: vini naturali con cattive intenzioni

Giusy Ferraina |   10 Settembre 2020

#whateverittakes

Miriam Masciarelli, la figlia d’arte del vino italiano

Sabrina de Feudis |   7 Settembre 2020

News

Pecorino, il vitigno principe della viticoltura in Abruzzo

Sabrina de Feudis |   30 Luglio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.