Condividi
Rubriche

Elena Fucci // Ricetta Di Donna // Chiara Giannotti

di Chiara Giannotti | 9 luglio 2018
Elena Fucci // Ricetta Di Donna // Chiara Giannotti

Classe 1981, nata e cresciuta tra i vigneti di famiglia e le vendemmie del nonno Generoso, vedeva l’uva che viaggiava oltre i confini regionali, e sognava di fare altrettanto, convinta che Barile, il suo paese, fosse troppo piccolo per le sue ambizioni.

E così, mentre pianificava studi all’estero e lavoro altrove, si prospetta l’idea di vendere queste terre che ormai, con la vecchiaia del nonno, sembravano non avere futuro in famiglia. Sei ettari di vigna che volente o nolente gli erano entrati nel cuore e che inconsciamente facevano parte di lei, della sua vita, della sua storia, che rappresentavano la sua infanzia e la fatica e il sudore dei suoi predecessori.

Fu così che, a un passo dalla vendita, nel 2000, capì che quello era il suo futuro. Stravolgendo i suoi piani, si mise a studiare enologia per avere le capacità di poterlo fare al meglio e riuscire a valorizzare al meglio quella terra tanto preziosa. Come alleato scelse l’Aglianico del Vulture, il vitigno di riferimento della migliore viticoltura della Basilicata.

Nasce così Titolo, frutto dell’amore per la tradizione e del suo connubio con le tecniche moderne, ricerca e sperimentazione.

 

Foodscovery

Foodscovery

 

Diventa il vino di punta che ha portato questa cantina a diventare orgoglio di tutta la regione e rappresenta non un punto di arrivo ma di partenza, uno stimolo per raggiungere nuovi traguardi e per far risplendere ancora di più la sua meravigliosa terra del Vulture.

 

ATTIVITA’

 

Fondata nel 2000 la tenuta si compone di 7 ettari di proprietà di cui 6 a vigneto Aglianico del Vulture e 1 di ulivi varietà Ogliarola del Vulture. Impianti fitti sia sulla fila che su filare per circa 8000/10000 piante ad ettaro, rese contenute di circa la metà di quanto previsto dai disciplinari, e attenzione maniacale al rispetto della natura e della stagionalità; impiego di prodotti biologici e biodegradabili, uso di tecniche alternative in vigneto per una vera opera di giardinaggio.

Al corpo storico della cantina ricavata dalla vecchia rimessa agricola di nonno Generoso e alla barriccaia scavata nel tufo vulcanico, si è aggiunta da poco la nuova cantina: Progetto in Bioarchitettura realizzato con impiego delle migliori tecnologie di coibentazione e raffrescamento naturali, impiegando materiali di recupero e di riciclo, e concepita per avere un impatto ambientale prossimo allo zero. Progetto che verrà completato a breve con installazione di un piccolo impianto fotovoltaico per ridurre ancora i consumi energetici, oltre al già esistente recupero delle acque piovane, sedimentate e depurate dalle principali impurità, e poi reimpiegate per il lavaggio dei trattori e mezzi agricoli.

 

tuscany-grape-field-nature-51947

 

CURIOSITA’

Il tuo maggior successo nel lavoro:

 Esser riuscita a portare l’idea nel territorio e nel mondo che l’Aglianico del Vulture può competere a tutti i livelli con i grandi vini del mondo, eccellere e poter fare da traino a tutto un settore turistico ed enogastronomico della nostra regione, che anno dopo anno prende sempre più piede, attraendo turisiti e facendosi spazio nelle wine list di tutto il mondo. Esportiamo in paesi che in molti neanche conoscono l’esistenza (Laos, Buthan) o dove il vino non è particolarmente affermato ancora (Israele, Libano, Islanda) e siamo fieri di poter portare oltre al nostro prodotto, la nostra terra e la nostra cultura.”

 

La sfida più grande che hai in corso:

“L’unione e l’associazionismo in Italia è un banco di prova durissimo, non solo nella nostra regione. E’ un dato di fatto: mettere allo stesso tavolo 10 aziende di qualunque settore merceologico, è probabilmente volersi immergere in un pozzo di problemi. Ma da sempre l’unione fa la forza, e in questo momento credo che sia arrivato il tempo anche per i produttori lucani, di sciogliere i nodi che ci hanno divisi fino ad oggi e di puntare tutti insieme a strategie e sinergie comuni per affrontare mercati e promozione del nostro territorio insieme, mettendo da parte gelosie e invidie e i retaggi del passato. E’ necessario anche qui innovare, attrarre gli stakeholders nel nostro territorio, far toccare con mano che la nostra regione, i nostri prodotti non hanno niente da invidiare ai ben più famosi Toscani o Piemontesi (non me ne vogliano, sono tracce da seguire non da combattere). E’ per questi motivi, che negli ultimi mesi mi sono impegnata a mettere insieme le nuove generazioni del vino lucano, tra chi ha eredito le redini delle aziende storiche di famiglie, o chi come me ha investito tutto il suo futuro nella propria azienda, per promuovere in Italia e nel Mondo la Basilicata attraverso il nostro prodotto. Vinitaly sarà un banco di prova dove attraverso degustazioni e approfondimenti porteremo all’attenzione del pubblico noi e la nostra terra. Progetto che però non si limiterà a questo, saranno organizzati in primavera anche incoming e attività di promozione diretta.”

 

Un sogno, lavorativo, che hai nel cassetto:

“E’ un sogno, e probabilmente lo resterà… però mi piacerebbe un giorno produrre un grande vino bianco autoctono, il nostro terroir del Vulture consentirebbe sicuramente espressioni importanti.”

 

purple-grapes-vineyard-napa-valley-napa-vineyard-39511

 

La tua personale “ricetta” per il successo:

 “Preparazione: senza un adeguata preparazione tecnica e menageriale, oggi non si va da nessuna parte. 

Passione: essere imprenditore significa essere tutt’uno con la propria azienda, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7; senza passione non si può puntare in alto

Idee e Strategie: oggi il mercato è complesso e globale, non ci si può accontentare di vendere un cartone di vino alla persona che bussa alla porta. Siamo noi che dobbiamo bussare a tutte le porte, e farci apprezzare per le meraviglie che abbiamo a casa nostra

Miglioramento: mai e poi mai sentirsi affermati, arrivati… si deve sempre pensare al futuro, a migliorarsi sempre. Metterci sempre la faccia.

 

La tua ricetta di cucina preferita:

Italiana: pizza, champagne & peperoni cruschi. Internazionale: sushi

 

Un tuo vino del cuore:

Bollicine, come invidio i produttori di bollicine.

 

La donna nel mondo enogastronomico che più ammiri e perché: 

“Difficile trovarne una sola, e ognuna che potrei citare è ammirare per un motivo grande. Faccio alcuni nomi a “titolo” esemplificativo: Donatella Cinelli Colombini: probabilmente una delle primissime donne nel business del vino, un mondo che fino ad 1 decennio fa o poco più era quasi esclusivamente riservato agli uomini. E’ donna immagine del proprio territorio delle proprie tradizioni. Angela Velenosi: una donna imprenditrice moderna, sta trainando tutte le marche nel mondo e lo fa con grazia e semplicita. Direi onnipresente… un giorno è in America e il giorno dopo ad Hong Kong… la pensi in Cina e la trovi a Milano. Un impegno a 360° per il suo territorio e per il made in Italy.

Ripeto la lista sarebbe molto lunga, non me ne voglia nessuno.”

 

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

Lascia un commento

avatar
wpDiscuz

ULTIME

Notizie

Aziende

Gentile Thogan Porri: il salame di Varzi Dop // Le Aziende

Andrea Voltolini |   17 luglio 2018

Rubriche Excellenti

“Cannolicchi alla Soldatina” e Altri Ricordi // La Cucina Romana

Arcangelo Dandini |   17 luglio 2018

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

Redazione |   16 luglio 2018

Rubriche

Mojito Cubano // Wine Cocktail // Elvia Gregorace

Elvia Gregorace |   14 luglio 2018

Aziende

PrimoGrano: Tour des Chefs // Rustichella D’Abruzzo

Redazione |   12 luglio 2018

Chef Protagonisti

A FOOD EXPERIENCE AROUND THE WORLD // QUARTA TAPPA: CAPRI

Paolo Gramaglia |   12 luglio 2018

Gli Eventi

BEER BQ PARTY // Eataly Roma: Il primo party all’aperto

Redazione |   11 luglio 2018

Chef Protagonisti

MENU INTORNO AL MONDO // Andrea Fassi & Claudia Massara

Redazione |   10 luglio 2018

Aziende

Caseificio Seggiano // Le Aziende // Andrea Voltolini

Andrea Voltolini |   10 luglio 2018

AGENDA

Nuove aperture

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

di Excellence Magazine  | 16 luglio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.