Condividi
Aziende

Da Collegio firmato Santarelli, gli anni ’30 tra luci soffuse, delicati cocktail e cucina top

di Elis Helena Viettone | 12 luglio 2017
Da Collegio firmato Santarelli, gli anni ’30 tra luci soffuse, delicati cocktail e cucina top

Foto da collegioroma.com

Un litro di Viterbese, per favore”, “Va bene signore, è 1 lira e 60”.

Per me una bottiglia di Hennessy Extra, grazie”, “Subito avvocato, fanno 130 lire”.

Siamo nel 1935, a due passi da Montecitorio, nel cuore di Roma, a piazza Capranica. Qui, nello storico “Vini e Olii” avviato nel 1914 da Berardino Santarelli, avremmo potuto osservare ogni genere di frequentazione, dalle classi della borghesia agiata dei piani alti, agli operai, artigiani, e piccoli commercianti dalle finanze decisamente più modeste.

Ecco perché la storica bottega enogastronomica “Collegio” già allora aveva nella sua carta un’offerta eccezionale, con una lista dei vini di tutto rispetto, e per tutte le tasche, e ancora vermouth, spumanti e champagnes, liquori italiani e d’importazione: il tutto oggi testimoniato dal ritrovamento in un vecchio baule di un dettagliato menù dell’epoca, che riportava i 12 negozi di vendita a Roma, ricordava l’origine di Amatrice della famiglia Santarelli, e siglava in bella vista: “1935, Il presente listino annulla il precedente”.

collegioroma.com

collegioroma.com

Perché nel locale completamente rinnovato a marzo, non mancano citazioni e riferimenti ad Amatrice, il prezioso Comune devastato dal terremoto e lo stesso chef Alessandro Cecere, una vita tra New York, Montreal e Capri, ci tiene a sottolineare i diversi progetti e i numerosi fornitori di materie prime e prodotti lavorati provenienti proprio da Amatrice come, solo per citarne una, la ghiotta selezione di salumi e formaggi di altissima qualità, accompagnati da confit e salse elaborate, da non perdere.

unnamed (1)

Così tra le linee essenziali di ferro e legno che ricreano con sobrietà e stile l’ambientazione della vineria degli anni ’30 in chiave moderna, i solidi archi a volta con mattone a vista sostengono un’ampia sala principale che termina con il bar di Emanuele Broccatelli, bartender di comprovata esperienza internazionale e capace con la sua squadra di cocktail da capogiro, e non per la gradazione alcolica. Lasciatevi consigliare a seconda dell’umore e del mood, siete in ottime mani.

unnamed (2)

Tradizione e modernità, dunque, negli ambienti, in linea con l’antico Palazzo del Collegio Capranica del 1451 che ospita il locale, ma anche nei piatti. La pasta all’Amatriciana immancabile, ovviamente, e poi tutte le pietanze tipiche della cucina romana, alla ricerca dell’autenticità dei sapori del tempo che fu. Ma accanto a questi, il menù comprende anche specialità di respiro globale, con suggestioni dai quattro angoli della Terra, derivate dalla lucida visione di Cerere.

collegioroma.com

collegioroma.com

Un particolare vanto i suoi gnocchi ricci: unici, con un sugo che ricorda quello delicato della nonna. “La nostra attenzione ai prodotti è certosina, attenti alla qualità, ma anche alle implicazioni ambientali e sociali. Che intendo? La pasta per questi gnocchi ricci, ad esempio, me la prepara una signora di Amatrice: ne ordino 27 chili a settimana, pagati 20 euro al chilo – spiega ancora Cerere – In questo modo io offro ai miei clienti un prodotto ottimo, artigianale e genuino, sostengo l’economia di un territorio più che mai bisognoso come quello di Amatrice, e alimento la filiera del cibo a chilometro zero. Non mi sembra poco, anzi, mi sembra tutto”.

collegioroma.com

collegioroma.com

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

Lascia un commento

avatar
wpDiscuz

ULTIME

Notizie

Rubriche

La Pajata Romana: La Resilienza del Gusto // La Cucina Romana

Arcangelo Dandini |   18 giugno 2018

Cocktail

Wink // Wine Cocktail

Elvia Gregorace |   16 giugno 2018

Gli Eventi

XVII° Capolavori a Tavola // Borgo Corsignano (Poppo – AR)

Viola Centi |   15 giugno 2018

Gli Eventi

Terza Tappa: L’Africa // Food Experience Around The World

Paolo Gramaglia |   14 giugno 2018

Chef Protagonisti

Una ventata di pasta fresca: Salvatore Testagrossa Nuovo Executive Chef di Centro

Dominique De Gerolamo |   12 giugno 2018

Ristorazione

“Quel Tavolo N.1” // Oste 2.0 // Eleonora De Venuti

Eleonora De Venuti |   12 giugno 2018

Cocktail

Capirinha Al Melone // Wine Cocktail

Elvia Gregorace |   9 giugno 2018

Rubriche

CoccOLIAmoci // La Cucina che fa Bene // Barbara Benatti

Barbara Benatti |   8 giugno 2018

Cocktail

Un’insolita degustazione: Whisky e Piatti Stellati // Ristorante Il Tino

Dominique De Gerolamo e Viola Centi |   7 giugno 2018

AGENDA

Nuove aperture

Chef Protagonisti

Pre-Opening Ristorante 1978: il ricordar mangiando debutta con l’Estate

di Excellence Magazine  | 15 giugno 2018

Aziende

La Brand Identity. Il Cuore e la Voce del format // FOOD EXPERIENCE

di Excellence Magazine  | 17 maggio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.