Condividi
Aziende

Da Collegio firmato Santarelli, gli anni ’30 tra luci soffuse, delicati cocktail e cucina top

di Elis Helena Viettone | 12 luglio 2017
Da Collegio firmato Santarelli, gli anni ’30 tra luci soffuse, delicati cocktail e cucina top

Foto da collegioroma.com

Un litro di Viterbese, per favore”, “Va bene signore, è 1 lira e 60”.

Per me una bottiglia di Hennessy Extra, grazie”, “Subito avvocato, fanno 130 lire”.

Siamo nel 1935, a due passi da Montecitorio, nel cuore di Roma, a piazza Capranica. Qui, nello storico “Vini e Olii” avviato nel 1914 da Berardino Santarelli, avremmo potuto osservare ogni genere di frequentazione, dalle classi della borghesia agiata dei piani alti, agli operai, artigiani, e piccoli commercianti dalle finanze decisamente più modeste.

Ecco perché la storica bottega enogastronomica “Collegio” già allora aveva nella sua carta un’offerta eccezionale, con una lista dei vini di tutto rispetto, e per tutte le tasche, e ancora vermouth, spumanti e champagnes, liquori italiani e d’importazione: il tutto oggi testimoniato dal ritrovamento in un vecchio baule di un dettagliato menù dell’epoca, che riportava i 12 negozi di vendita a Roma, ricordava l’origine di Amatrice della famiglia Santarelli, e siglava in bella vista: “1935, Il presente listino annulla il precedente”.

collegioroma.com

collegioroma.com

Perché nel locale completamente rinnovato a marzo, non mancano citazioni e riferimenti ad Amatrice, il prezioso Comune devastato dal terremoto e lo stesso chef Alessandro Cecere, una vita tra New York, Montreal e Capri, ci tiene a sottolineare i diversi progetti e i numerosi fornitori di materie prime e prodotti lavorati provenienti proprio da Amatrice come, solo per citarne una, la ghiotta selezione di salumi e formaggi di altissima qualità, accompagnati da confit e salse elaborate, da non perdere.

unnamed (1)

Così tra le linee essenziali di ferro e legno che ricreano con sobrietà e stile l’ambientazione della vineria degli anni ’30 in chiave moderna, i solidi archi a volta con mattone a vista sostengono un’ampia sala principale che termina con il bar di Emanuele Broccatelli, bartender di comprovata esperienza internazionale e capace con la sua squadra di cocktail da capogiro, e non per la gradazione alcolica. Lasciatevi consigliare a seconda dell’umore e del mood, siete in ottime mani.

unnamed (2)

Tradizione e modernità, dunque, negli ambienti, in linea con l’antico Palazzo del Collegio Capranica del 1451 che ospita il locale, ma anche nei piatti. La pasta all’Amatriciana immancabile, ovviamente, e poi tutte le pietanze tipiche della cucina romana, alla ricerca dell’autenticità dei sapori del tempo che fu. Ma accanto a questi, il menù comprende anche specialità di respiro globale, con suggestioni dai quattro angoli della Terra, derivate dalla lucida visione di Cerere.

collegioroma.com

collegioroma.com

Un particolare vanto i suoi gnocchi ricci: unici, con un sugo che ricorda quello delicato della nonna. “La nostra attenzione ai prodotti è certosina, attenti alla qualità, ma anche alle implicazioni ambientali e sociali. Che intendo? La pasta per questi gnocchi ricci, ad esempio, me la prepara una signora di Amatrice: ne ordino 27 chili a settimana, pagati 20 euro al chilo – spiega ancora Cerere – In questo modo io offro ai miei clienti un prodotto ottimo, artigianale e genuino, sostengo l’economia di un territorio più che mai bisognoso come quello di Amatrice, e alimento la filiera del cibo a chilometro zero. Non mi sembra poco, anzi, mi sembra tutto”.

collegioroma.com

collegioroma.com

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

Lascia un commento

avatar
wpDiscuz

ULTIME

Notizie

Presentato stamattina il XV Rapporto Ismea – Qualivita

Roberta Sferruzza |   23 gennaio 2018

Aziende

DOC Wine Travel Food, un evento cinegustologico

Redazione |   15 gennaio 2018

Gli Allievi Etoile si raccontano

Luigi Nassi e il sogno avverato di aprire una pasticceria nella Tuscia

Paola Maruzzi |   11 gennaio 2018

Aziende

Le 13 erbe Ricola protagoniste al MA*GA

Redazione |   10 gennaio 2018

Ristorazione

RED FISH inaugura AKA Sushi, il nuovo Sushi Bar ad Ostia

Redazione |   9 gennaio 2018

Ristorazione

Zia Rilla, laboratorio di pasta fresca con cucina

Redazione |   8 gennaio 2018

L'Intervista

Benjamin, il mago dei macarons

Barbara Benatti |   3 gennaio 2018

AGENDA

Nuove aperture

Ristorazione

“Frida. Pizza&Cucina”: esperienza, passione e materie prime di qualità

di Excellence Magazine  | 12 gennaio 2018

Ristorazione

RED FISH inaugura AKA Sushi, il nuovo Sushi Bar ad Ostia

di Excellence Magazine  | 9 gennaio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.