Condividi
Rubriche Excellenti

Il Cibo e la Letteratura // Storie di Roma // Claudio Gargioli

di Claudio Gargioli | 27 Giugno 2018
Il Cibo e la Letteratura // Storie di Roma // Claudio Gargioli

Il cibo è la storia dei popoli, il cibo è lo specchio dell’epoca in cui si vive e, proprio per questo, non può essere estraneo alla letteratura. A prescindere dai libri puramente di descrizione ed esecuzione di ricette culinarie, il cibo lo troviamo in tantissimi romanzi e racconti che vanno dall’antichità ai giorni nostri.

Nel Satyricon di Petronio Arbitro, Trimalcione con i suoi banchetti, esprimeva la propria egemonia e quindi: il suo potere.

Ma non solo nella Roma imperiale dei patrizi, sono descritte le abitudini alimentari di quell’epoca, sul “De Agricoltura” di Marco Porcio Catone, si trovano descritte minuziosamente le mense degli agricoltori e degli schiavi che lavoravano ai latifondi dei ricchi possidenti.

Il cibo come riferimento storico, culturale e religioso. I Vangeli, descrivono “L’ultima cena di Gesù” , agnello sacrificale, il pane ed ovviamente l’eucaristico vino.

Per vivere l’uomo ha bisogno di alimentarsi. Il potere è in mano a chi possiede i granai del mondo. Colombo scopre l’America e con lui porta i suoi cibi esotici. Il cacao, i pomodori, le patate, il mais, il fagiolo rosso, le noccioline, l’ananas ed il mango… ed ecco nella letteratura entrare questi alimenti ed ecco che Proust nella sua “Recherche” in un brano decanta le meravigliose colonne di gelato al cioccolato e lampone presso il Ritz. E che dire di Giacomo Leopardi che descrive con amorevole passione il cioccolato in alcune sue lettere.

Memorabile è la parte che il cibo ha nei “Promessi Sposi”. Il Manzoni descrive la disperazione di una carestia e l’agonia di un’umanità privata della materia prima della vita che accompagna la fame, quella vera, con improbabili ricettari con portate a base di pani di riso impastati con orzo, segale a veccia, erbe di prato amare, cortecce d’albero condite con un po’ di sale ed acqua di cattiva qualità (capitolo 28).

Non c’è più la pietà e la misericordia, quando c’è la fame, pietà e misericordia diventano un lusso che l’umanità non può più permettersi.

Nel Gattopardo, la storia è diversa, l’opulenza diventa il costume che denota e differenzia la classe nobile e ricca dalle altre. Basti pensare alla descrizione del “torreggiante timballo di maccheroni” servito a Donnafugata in casa Salina, quando l’involucro di pasta dorata che racchiude un ricchissimo ripieno, sembra il trionfale prodotto di venticinque secoli di gastronomia siciliana, come a dire: storia da gustare ed annusare.

Meravigliosa ed indispensabile è la presenza del cibo per descrivere la storia di un popolo, di ogni popolo.

Per quel che mi riguarda, “La mia cucina romana” racchiude in se due miei piccoli racconti che hanno come protagonista, oltre che l’uomo con le sue vanità e debolezze, il cibo che è un po’ angelo ed un po’ diavolo tentatore. Nel primo si racconta di uno chef esasperato dai giudizi di un critico che agisce, per vendicarsi, in una maniera non proprio ortodossa. Nel secondo, descrivo un ghiottone impenitente che poveretto è alle prese con una madre molto autoritaria.

Ma  c’è  anche un capitolo del “Dipendente” di Sebastiano Nata, che parla di una cena consumata in un “Armando al Pantheon” anni 70. Una citazione nel film oscar “La grande Bellezza” di Sorrentino ed un capitolo del mio romanzo(inedito) “Erasmo lo Resto manager non venne mai” che descrive, un pranzo tra amici, sempre da Armando al Pantheon sul finire degli anni sessanta.

1 COMMENTO

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Claudio Gargioli Recent comment authors
Più recente Meno recente Più votato
Claudio Gargioli
Ospite
Claudio Gargioli

E gia’, pezzo scritto tutto di getto, con la memoria che mi andava a mille nel percorso delle mie letture, dei miei ricordi, della mia e nostra storia. Il cibo, fa girare i popoli ed è la nostra prima necessità!

ULTIME

Notizie

#whateverittakes

La Pergola, Marco Reitano: “Voglia di ricominciare”

Sabrina de Feudis |   4 Giugno 2020

We Love Tasting

Muscari Tomajoli, il volto giovane della viticoltura etrusca

Manuela Zennaro |   3 Giugno 2020

We Love Tasting

Luogo virtuale di esperienze reali, il nuovo network di Rimessa Roscioli

Fabio Castelli |   1 Giugno 2020

Bio Food

Batte in Sabina il cuore bio dell’extravergine Tenimenti Marotta

Sabrina de Feudis |   1 Giugno 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Frittelle di banana

Francesco Apreda |   29 Maggio 2020

Ricetta di Donna

Maria Provenza: “La mia ricetta di donna? Trasparenza e rispetto”

Fabio Castelli |   27 Maggio 2020

We Love Tasting

Elisabetta Geppetti: “Export ripartirà, Italia al rallentatore”

Manuela Zennaro |   27 Maggio 2020

News

Olio Tamia, tradizione e innovazione Made in Tuscia

Giusy Ferraina |   26 Maggio 2020

#whateverittakes

Agivi, Violante Gardini: “Facciamo sentire la nostra voce”

Sabrina de Feudis |   26 Maggio 2020

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.