Condividi
Gli Eventi

Chef – Consulente: ne conosciamo davvero il ruolo? // Faresin

di Francesca Faresin | 30 Ottobre 2018
Chef – Consulente: ne conosciamo davvero il ruolo? // Faresin

“Essere o non essere, questo è il problema.” L’incognita filosofica shakespeariana è facilmente applicabile all’ambiente gastronomico. Da qualche anno a questa parte, infatti, nel lessico italiano è comparsa una nuova parola, composta: chef-consulente. Che sia a capo di una grande cucina, di una rinomata scuola o di un servizio catering, lo chef si sdoppia: una parte delle sue abilità rimangono radicate ai fornelli d’origine, un’altra vaga per territori ignoti, neonati o sull’orlo del disastro, che cercano di rinnovare stile attraverso i consigli, le ricette, gli stratagemmi di un veterano del settore.

Che ruolo ha lo chef-consulente all’interno di queste cucine? Sì, i piatti riportano la sua firma, confermano il suo stile, rispecchiano la sua filosofia ma sono il frutto del suo lavoro? La maggior parte delle volte assolutamente no. Lui, o lei che sia, consulta non cucina. C’è e non c’è al contempo. La sua esistenza nelle cucine di consultazione è puramente astratta e teorica.

Alberto Blasetti Ph.-7840

La specie umana non possedendo il dono dell’ubiquità è incapace di svincolarsi da un posto all’altro. E dunque un Heinz Beck, un Riccardo di Giacinto saranno difficili, impossibili quasi, da incontrare all’interno di tutti quei ristoranti che, pur riportando il loro nome nel menù, non costituiscono il fulcro delle loro fatiche.

Quest’ultimo è il luogo che li ha resi celebri, che li ha fatti conoscere alle masse, ai critici, alle guide gastronomiche più in vista. Ecco è lì che li troverete. Non sempre, perché anche loro hanno famiglia e vita privata alle spalle, ma il più delle volte.

L’assenza dell’artefice dei piatti all’interno di un locale è un problema? Sicuramente costituisce un rischio che molti chef si guardando dall’affrontare. A fare consulenze non sono in tanti. Se Francesco Apreda dello stellato Imago dell’Hotel Hassler gira il mondo portando alta la bandiera della sua cucina, romana-partenopea, in Asia negli alberghi della sua catena, Roy Caceres preferisce cucinare esclusivamente per i pochi coperti del suo Metamorfosi.

La chiave di volta sta tutta nella formazione della brigata. Una volta che i vari sous-chef sono diventati ligi esecutori delle proposte della carta, la qualità del servizio è garantita.

Alberto Blasetti Ph.-7162

Lo chef-consulente è incaricato di fissare uno standard, di realizzare un’industria che gli assicuri che ogni piatto uscito dal pass sia come l’originale. L’impresa è ardua ma non irrealizzabile. A dimostrarlo è Niko Romito che attraverso la Niko Romito Formazione, una scuola privata di cucina e gastronomia per la formazione a trecentosessanta gradi di chi prima solo a livello amatoriale preparava da mangiare, ha aperto a Rivisondoli, Roma e Milano Spazio, un ristorante che rispecchia la sua filosofia e rispetta il suo progetto senza la sua costante supervisione perché seguito e portato avanti da persone fidati che con lui hanno concluso un percorso di formazione.

E ancora a dirla tutta le consulenze possono essere di due tipi: griffate o meno. Molto spesso il nome dello chef-consulente, non compare neppure nell’angolo più nascosto del ristorante. Molte volte perché egli è un tassello di un più grande mosaico realizzato da società esperte nel settore che si occupano di formare il ristorante in tutto e per tutto invadendo non solo la cucina ma anche la sala ed il reparto marketing. Queste hanno alle spalle un nutrito gruppo di esperti nei vari ambiti che dopo aver rodato il terreno per qualche mese, lo abbandonano nelle mani altrui. Falliranno o toccheranno l’apice del successo? Chi può dirlo? Certamente l’aver assunto una solita di consulenze o uno chef famoso dovrebbe aiutare nel perseguire l’obiettivo prefissato dalla proprietà, ma l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.

Alberto Blasetti Ph.-7895

Le Cucine da Incubo esistono ed ora più che mai, forse per moda, forse per concorrenza, invocano la chiamata di un Gordon Ramsay o Antonino Cannavacciuolo della situazione che sia pronto a salvarli.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Farm to Fork, incentivi al biologico nel Green Deal

Fabio Castelli |   25 Maggio 2020

Bio Food

Meracinque, carnaroli classico al femminile

Sabrina de Feudis |   25 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Penne integrali al pesto di pistacchi e fior di latte

Francesco Apreda |   22 Maggio 2020

#whateverittakes

Stellati d’Italia, Paolo Gramaglia: “In cucina inizia una nuova era”

Sabrina de Feudis |   21 Maggio 2020

We Love Tasting

Conte Vistarino, i custodi del Pinot Nero

Manuela Zennaro |   21 Maggio 2020

News

Nasce “Nero”, il primo sake italiano

Giusy Ferraina |   20 Maggio 2020

News

The Fork lancia i dining bond, “salviamo i ristoranti”

Fabio Castelli |   20 Maggio 2020

Bio Food

Agricola Paglione, il biologico è il futuro della terra

Sabrina de Feudis |   18 Maggio 2020

#ritaglidifrancescoapreda

Granita di fragole in salsa al cioccolato bianco

Francesco Apreda |   15 Maggio 2020

#whateverittakes

Cinelli Colombini alle donne del vino: coraggio, non mollate

Sabrina de Feudis |   14 Maggio 2020

#whateverittakes

Palombini: business del catering da reinventare

Manuela Zennaro |   13 Maggio 2020

News

La Salsa Alfredo racchiusa in un vasetto

Giusy Ferraina |   12 Maggio 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.