Condividi
News

Agalìa, l’inedito distillato d’agave e botaniche di Sicilia

di Giusy Ferraina | 15 Giugno 2021
Agalìa, l’inedito distillato d’agave e botaniche di Sicilia

La Sicilia è una terra ricca, capace di stupire e dar vita a prodotti e idee molto originali. L’ultimo prodotto dell’isola è Agalìa, un inedito distillato d’agave e botaniche di Sicilia appena lanciato sul mercato. Potrebbe sembrare un’idea strana, eccessiva, forse fin troppo originale, ma se ci pensiamo bene Agalìa prende spunto dalla tradizione più storica della Sicilia, dai suoi colori, i profumi della terra e delle piante, quella Sicilia profondamente mediterranea. Proprio da qui nasce qualcosa di totalmente nuovo, che vuole essere un infuso ambizioso, un distillato che parla di Sicilia (e anche un po’ siciliano), in ogni suo dettaglio a partire dal nome, dalla sonorità tipicamente “sicula”, che  nasce  dall’unione  tra “agave”  e  “Rosalia”  (Santa  Rosalia  è  Patrona  di  Palermo e Protettrice della Sicilia).

“L’idea era quella di dare vita ad un prodotto originale, totalmente inedito. Dopo attenti studi, prove e ricerche, abbiamo scelto come ingrediente principale l’agave, detta localmente zammara o zabbara, una pianta capace di conferire una forte impronta distintiva al gusto e che, in Agalìa, si arricchisce di note aromatiche grazie alle botaniche di Sicilia come il limone verdello e le pale di fico d’India”. Ci raccontano così Federico, Michele, Davide e Augusto, quattro amici che hanno unito le forze, le idee e la loro creatività per questo progetto.

A maggio 2021 si è chiusa la fase di imbottigliamento del primo lotto composto da 2876 bottiglie e da questa data si celebra l’esordio ufficiale di Agalìa, che per i fondatori è un sogno che si avvera, un progetto nato dalla passione comune per la loro terra e che combinato alle loro competenze arriva dopo oltre dieci anni di ricerca, alla creazione finale di questo innovativo distillato di 43,3 gradi alcolici.

Il team di Agalìa

Un lungo percorso destinato a evolversi, fatto essenzialmente di attenti studi, esperimenti, ricerca e dove ognuno, provenendo da esperienze diverse ma al contempo  affini, ha messo la sua dose di know-how e di follia. Michele Di Carlo, il “Gustosofo” del Gruppo, ha portato nel progetto la propria esperienza internazionale e pluriennale di mixology, distillazione e analisi sensoriale ed è anche l’unico custode della ricetta Agalìa. Poi c’è Federico Vincenzi, sommelier con numerosi riconoscimenti e imprenditore nel food e beverage; Davide Fregonese imprenditore nel settore agro alimentare e Augusto Prusso imprenditore nell’ambito assicurativo e finanziario che con i compagni condivide il desiderio di innovazione in un campo che li accomuna e li emoziona tutti.

Il distillato

Di Agalìa oltre all’unicità c’è da sottolineare l’approccio anticonvenzionale con cui cerca di valorizzare la tradizione delle meravigliose terre di Sicilia, puntando a divenire anche un suo prodotto di eccellenza.

Questo distillato di agave evoca – a tutto tondo – piacevoli suggestioni. Colore che vira sui toni del giallo e del verde trasparente e che ammaliano la vista nella loro purezza, il profumo ricorda quello della frutta candita, la freschezza degli agrumi, con note di ulivo e di altre botaniche di Sicilia. Al primo assaggio, la sensazione è quella del mare che si concretizza anche visivamente e le note olfattive si ritrovano anche al palato in un gusto persistente e allo stesso tempo delicato e gentile. Sia al naso che in bocca si avvertono subito i richiami caratteristici dell’agave che si evolvono in sentori agrumati ed erbacei. Un sapore morbido e avvolgente quello di Agalìa, nonostante la spinta alcolica non indifferente.

Un distillato prodotto senza zuccheri aggiunti, in modo tutto naturale, in cui ritrovare grande carattere e personalità che richiama il territorio a cui si è ispirato, da cui proviene e di cui evoca il grande e sensuale fascino.  Ideale per essere degustato liscio a 16/18° C di temperatura, è anche il perfetto protagonista per la creazione di intriganti cocktail e dissetanti long drink.

 Il packaging

Anche la bottiglia si ispira alla terra madre. Prodotto esclusivamente in Sicilia, il “distillato” è custodito in una bottiglia atipica che ne rimarca la personalità unica. Vetro trasparente dai profili decisi, base quadrata e lati leggermente svasati. Ogni bottiglia da 0,50 litri, è decorata con il logo Agalìa serigrafato ed una piastrella di ceramica di Caltagirone numerata ed applicata a mano su ogni singolo contenitore.

Su ogni piastrella compare in blu il profilo stilizzato della Sicilia avvolto da una raggiera di petali gialli e blu ispirati dalle foglie d’agave e dipinti con i colori del sole e del mare. Sul retro di ogni piastrella si trova scritto a mano il numero progressivo di ogni singola bottiglia. La bottiglia di Agalìa è poi inserita in una scatola di latta decorata con gli elementi distintivi del brand, il logo e l’allegoria dell’isola.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Gin e carne: perché no?

Giusy Ferraina |   3 Settembre 2021

News

Villa Bogdano 1880, la cantina boutique nel bosco planiziale

Sabrina de Feudis |   29 Luglio 2021

News

Olio, elisir di giovinezza mentale

Giusy Ferraina |   27 Luglio 2021

News

Francesca Barra, la sua vita da cuoca appassionata

Sabrina de Feudis |   22 Luglio 2021

News

Truffe alle cantine, ecco come riconoscerle

Giusy Ferraina |   20 Luglio 2021

News

Cantele, una storia di famiglia

Manuela Zennaro |   6 Luglio 2021

News

VAC, l’altra Calabria e i suoi vitigni autoctoni

Giusy Ferraina |   30 Giugno 2021

News

Alla scoperta di Grottaferrata e dei suoi vini

Giusy Ferraina |   22 Giugno 2021

News

Tenuta Zisola, l’animo autoctono della famiglia Mazzei

Sabrina de Feudis |   10 Giugno 2021

News

Sono sette le migliori botteghe italiane del mondo

Giusy Ferraina |   8 Giugno 2021

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.