Condividi
Rubriche

Essentia, un progetto pugliese nato dal coraggio di due papà

di Sabrina de Feudis | 28 Novembre 2019
Essentia, un progetto pugliese nato dal coraggio di due papà

Una terra quella pugliese, due padri, Giuseppe Massini e Giovanni Bucci e il coraggio di trasformare una passione in un lavoro concreto per l’avvenire dei propri figli. Questa è Essentia, un marchio nato nel 2017, con l’obiettivo di selezionare, promuovere e valorizzare l’artigianalità dell’eccellenze enogastronomica di Puglia, esportandole fuori dai confini territoriali. Essentia Italian Food è attiva da due anni, in questo breve percorso di vita ha già mosso passi importanti e ottenuto riconoscimenti incoraggianti per il proprio futuro.

La goccia è il logo di Essentia, per Giuseppe Massini, uno dei due fondatori del marchio, essa rappresenta l’anima di tutti i loro prodotti, il vino, l’olio, i taralli, le creme di legumi e i prodotti caseari. Essentia raccoglie al proprio interno il meglio della Puglia, una terra caratterizzata dalla grande biodiversità, che riesce a rendere unici ognuno dei suoi prodotti.

L’attività di Essentia è quella di individuare e commercializzare le migliori aziende artigianali, rigorosamente biologiche, scelta fortemente perseguita, non per assecondare le numerose richieste del mercato, ma per rispettare i propri principi: attenzione per l’ambiente e tutela del consumatore finale. La trasparenza di tutti i processi produttivi che portano un prodotto a entrare nella “famiglia” Essentia, così come ama definirla Massini, è la stessa che anima il loro team, un’eredità immateriale trasferita di padre in figlio, da conservare e tutelare per distinguersi all’interno del mercato. Giuseppe Massini da tipico uomo del sud apre le porte della propria azienda, presente a Trani in Puglia, riuscendo a farla percepire come casa, condividendo la propria passione, senza alcun filtro, raggiunge l’interlocutore, che incuriosito cerca di conoscere l’intera storia, sapendo che un finale c’è ed è ancora tutto da scrivere.

Il racconto di Essentia passa dalle parole entusiaste di Massini, che riesce a travolgerti in un vortice continuo d’informazioni e cibi d’assaporare. I vini rispecchiano il territorio d’origine, la Puglia, quindi tutti i vitigni autoctoni sono ben rappresentati, dal Primitivo di Manduria a quello di Gioia del Colle, al Negroamaro, all’Aleatico per quanto riguarda i rossi, Fiano Minutolo e Verdeca per i bianchi. Sorprende il Saure, vino frutto di un innesto fatto direttamente in pianta, tra il primitivo e l’aleatico, che ne determina un incrocio particolare e unico. Un vino che sa imporsi con i propri profumi delicati e allo stesso tempo incisivi, che preludono a un sorso travolgente. Il nome Saure deriva dal termine dialettale “Sour”, che in pugliese significa suora, il suo sapore rievoca i vini preferiti proprio dalle suore, profumati, morbidi e delicati, ecco perché Pippo Massini ha deciso di chiamarlo così. È una sorpresa apprezzarlo in abbinamento a una zuppa di pesce o ancora meglio al tipico piatto pugliese: riso, patate e cozze. La selezione dei prodotti di Essentia riguarda anche l’olio, con due cultivar particolari e dalle caratteristiche differenti: la Coratina, piccante e decisa, e l’Ogliarola, leggermente fruttata e dal gusto più morbido. Punta di diamante della selezione sono ovviamente i prodotti caseari come il canestrato pugliese Dop ottenuto da latte di pecora, sale e caglio di agnello. Ogni 60 giorni la crosta viene massaggiata con olio extra vergine d’oliva e a seguito di una stagionatura lunga 3-4 mesi è possibile assaggiare un formaggio dal gusto leggermente sapido, dalla pasta compatta e dal colore vivo. Dopo 10-12 mesi di stagionatura la pasta diventa più friabile, il colore vira sul giallo paglierino e il sapore è più deciso.

Il coraggio dei papà verso i figli non ha limiti e così Giuseppe e Giovanni lavorano con i propri ragazzi fianco a fianco, cercando di tracciare per loro e con loro una strada ben definita da perseguire. Essentia Italian Food si è imposta obiettivi alti da raggiungere e mercati importanti da conquistare, intanto a gennaio partono con l’e-commerce, lasciando intendere che l’annata 2020 sarà per loro la migliore di sempre.

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

Stefano Berti il “vignaiolo garagista” della Romagna

Sabrina de Feudis |   23 Novembre 2020

News

Castello del Terriccio, il miracolo toscano

Manuela Zennaro |   20 Novembre 2020

News

Arte e cultura Made in Calabria: Armonie d’Arte Festival

Giusy Ferraina |   19 Novembre 2020

News

Andrea Gori:« Sì al vino democratico»

Sabrina de Feudis |   16 Novembre 2020

News

Giulia Sattin, l’architetto con la passione per il vino

Sabrina de Feudis |   12 Novembre 2020

News

Calabria Wine Tour, la Costa degli Dei

Giusy Ferraina |   10 Novembre 2020

News

Fettuccine alla Alfredo, quel piatto nato dal cuore

Manuela Zennaro |   6 Novembre 2020

News

Calabria Wine Tour continua tra Saracena, Cosenza e Rende

Giusy Ferraina |   5 Novembre 2020

#NoMoreExcuses

Valerio Mattacini: “In cucina scelgo prodotti ecosostenibili”

Fabio Castelli |   29 Ottobre 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.