Condividi
Ristorazione

Il 2018 è un anno di novità per il Ristorante Il Tino* e QuarantunoDodici

di Redazione | 15 marzo 2018
Il 2018 è un anno di novità per il Ristorante Il Tino* e QuarantunoDodici

Foto da PressKit

Lo Chef Daniele Usai, insieme ai soci Stefano Loreti e la famiglia Stillitano, hanno deciso di dar vita una serie di trasformazioni per le due insegne di ristorazione all’interno della destinazione navale Nautilus.

untitled.pngjk

Per Ristorante Il Tino* e QuarantunoDodici si delinea un progetto ancora più contemporaneo, per andare incontro a una clientela eterogenea che ama rapportarsi con la cucina d’autore in maniera differente.

Il Ristorante Il Tino*, dopo essersi trasferito nel 2016 da Ostia nella sede del Nautilus di Fiumicino, sarà protagonista nel 2018 di lavori di ristrutturazione, dal 26 Febbraio al 15 Marzo compresi, riaprendo quindi il 16 Marzo ed individuando nel mercoledì la nuova pausa settimanale.

 L’obiettivo rivela Lele Usai – è alzare l’asticella della qualità al Tino, riducendo il numero di tavoli da 12 a 8 ed aggiungendo una cucina a vista in sala, un modo per migliorare l’esperienza dei clienti, che mi vedranno, insieme alla mia brigata, quasi fossimo in un acquario di vetro che si affaccia sulla sala. Inoltre, la nuova conformazione del Tino mi permetterà di uscire di più dalla cucina, una cosa che amo fare e che mi consente di relazionarmi con il mio cliente, di coccolarlo.

untitled

La struttura, che ospita sia l’insegna stellata che la seconda tavola dello chef laziale, attualmente vede al piano inferiore un ingresso comune che si apre sul QuarantunoDodici – il ristorante con cucina di mare guidato dallo stesso Usai – e che permette al cliente di arrivare a Il Tino* dopo aver attraversato una seconda porta, che introduce nel mondo della cucina fine dining.

La scelta di separare gli ingressi del Tino e del QuarantunoDodici nasce per la nostra volontà di “raddoppiare” la proposta serale – dice Nico Stillitano, collegamento tra l’anima nautica e quella ristorativa di Nautilus – Da quando riaprirà il Tino, infatti, i nostri clienti potranno scegliere se vivere l’esperienza stellata della cucina di Daniele ai massimi livelli, o se godersi una serata meno impegnativa, con la garanzia comunque della firma di Daniele e di materie prime di alta qualità. Da un lato la cucina fine dining, dall’altro la cucina di mare fatta come si deve.  

jb

Tre quindi sono i grandi cambiamenti in programma per Il Tino*, che permetteranno ai clienti di vivere un’esperienza ancora più esclusiva in quello che oggi è un’insegna unica nel suo genere, con una struttura e degli arredi che permettono di perdersi nel contesto nautico circostante.

Il ristorante con una Stella Michelin da Marzo avrà un ingresso separato, grazie alla costruzione di una scala esterna che farà arrivare il cliente in un primo ambiente dedicato all’accoglienza per poi accedere alla sala.

Verranno divise le cucine dei due ristoranti, per creare una cucina a vista al piano superiore che permetta allo stesso chef di avere un occhio in sala e stringere una migliore sinergia con chi si siede ai sui tavoli.

Infine sarà ridotto il numero di tavoli de Il Tino*, che passeranno da 12 a 8.

untitled.pnfg

Con Nico e Stefano abbiamo deciso di creare una struttura incentrata sul cliente, riducendo il numero di coperti ed aumentando il focus sulla cucina, che fino ad ora nessuno poteva vedere, trovandosi al piano inferiore – racconta chef Usai – E’ un grande investimento che vale la pena affrontare per rendere l’esperienza dei nostri clienti ancora più unica.

In parallelo a questo cambiamento, un’altra importante innovazione: il ristorante QuarantunoDodici sito al piano inferiore, fino ad oggi aperto dalla colazione al pranzo, a partire dal 27 Febbraio estenderà la sua proposta anche al servizio serale, operativo tutti i giorni della settimana.

La cucina di mare del QuarantunoDodici rappresenta la versione pop dei piatti dello chef Usai, con idee legate al territorio che trasportano in cucina ingredienti e profumi locali valorizzandoli da tocchi creativi che si spingono oltre i confini della zona. 

Sarà quindi possibile godere di un pranzo e di una cena all’aperto a bordo fiume oltre che nell’ampio e luminoso spazio interno dalle grandi vetrate che permettono al cliente di sentirsi fra le barche ormeggiate sulla sponda del Tevere.

untitled.pnhg

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

Lascia un commento

avatar
wpDiscuz

ULTIME

Notizie

Aziende

Gentile Thogan Porri: il salame di Varzi Dop // Le Aziende

Andrea Voltolini |   17 luglio 2018

Rubriche Excellenti

“Cannolicchi alla Soldatina” e Altri Ricordi // La Cucina Romana

Arcangelo Dandini |   17 luglio 2018

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

Redazione |   16 luglio 2018

Rubriche

Mojito Cubano // Wine Cocktail // Elvia Gregorace

Elvia Gregorace |   14 luglio 2018

Aziende

PrimoGrano: Tour des Chefs // Rustichella D’Abruzzo

Redazione |   12 luglio 2018

Chef Protagonisti

A FOOD EXPERIENCE AROUND THE WORLD // QUARTA TAPPA: CAPRI

Paolo Gramaglia |   12 luglio 2018

Gli Eventi

BEER BQ PARTY // Eataly Roma: Il primo party all’aperto

Redazione |   11 luglio 2018

Chef Protagonisti

MENU INTORNO AL MONDO // Andrea Fassi & Claudia Massara

Redazione |   10 luglio 2018

Aziende

Caseificio Seggiano // Le Aziende // Andrea Voltolini

Andrea Voltolini |   10 luglio 2018

AGENDA

Nuove aperture

Chef Protagonisti

Il primo Sushi Boat Restaurant // Isola di Ponza

di Excellence Magazine  | 16 luglio 2018

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.