Condividi
#NoMoreExcuses

Mirko Moglioni: “Usare la bilancia aiuta a sprecare meno cibo”

di Fabio Castelli | 13 Gennaio 2021
Mirko Moglioni: “Usare la bilancia aiuta a sprecare meno cibo”

La tradizione romana si unisce alla modernità in uno dei locali storici più rinomati della Capitale. Brigitte Bardot, Frank Sinatra, Jimmy Hendrix, Sophia Loren; sono solo alcuni dei personaggi famosi che, dal 1914, hanno potuto mangiare da Alfredo alla Scrofa. Re indiscusso delle famose fettuccine Alfredo, diventate poi famose anche e soprattutto in America, il ristorante di Via della Scrofa si modernizza, pur mantenendo ben salde le tradizioni, con lo chef Mirko Moglioni, ospite, oggi, della nostra rubrica #NoMoreExcuses.

Una nuova avventura è iniziata in un momento, però, molto delicato
Ho intrapreso questa nuova avventura a dicembre dello scorso anno, in un ristorante storico dove sono felice di stare perché vivo una realtà sana con dei collaboratori e una proprietà unica. Nonostante il momento di difficoltà ci siamo compattati e ne stiamo uscendo in maniera molto più che dignitosa.

Come si uniscono, in cucina, tradizione e modernità?
Semplicemente con quelle che secondo me sono le basi della cucina: la scelta della materia prima, il rispetto del posto in cui ci si trova e dalla tecnica. Abbinare ai piatti di tradizione delle tecniche moderne fa si che si possa esprimere una cucina moderna a tutto tondo.

Modernità che passa anche attraverso la sostenibilità, come si è adattata nella sua cucina?
Sostenibilità che io inquadro soprattutto nella scelta oculata delle materie prime. Da sempre instauro un rapporto diretto con i fornitori, perché per il carico di lavoro non riesco ad andare direttamente a scegliere il prodotto. A loro dico sempre una cosa: “dovete portarmi una materia prima di qualità come se doveste portarla a casa vostra”. Questo è il concetto, che scelgano con i miei occhi.
Un suo piatto di cucina circolare?
Questo è un concetto che applico quasi a tutti i miei piatti, proprio perché propongo sempre dei menù stagionali che, quindi, vengono cambiati ogni 4 mesi. In questo modo posso utilizzare i prodotti freschi del periodo e, così facendo, riesco ad utilizzare sempre la quasi totalità del prodotto.
Un consiglio anti-spreco per i lettori?
Secondo me è si tratta più di un discorso di metodologia tradotto, fondamentalmente, nell’uso della bilancia. Molto spesso a casa si tende a prendere il cibo, anche in quantità eccessive, e cucinarlo. Invece si dovrebbe cucinare solo la dose pesata a seconda dei commensali. Questo, per me, in alcuni frangenti potrebbe essere una piccola soluzione!

NESSUN COMMENTO

COMINCIA TU LA DISCUSSIONE

avatar

ULTIME

Notizie

News

“Vigneto Calabria” secondo le guide 2021

Giusy Ferraina |   19 Gennaio 2021

News

Cantina Giacomelli, la viticoltura eroica della Liguria

Sabrina de Feudis |   18 Gennaio 2021

News

Girls in Italy, viaggi ispirazionali al femminile

Giusy Ferraina |   12 Gennaio 2021

News

Natale al Sud, tra piatti tipici e vini di territorio

Giusy Ferraina |   23 Dicembre 2020

News

Natale al Sud, tra piatti tipici e vini di territorio

Giusy Ferraina |   22 Dicembre 2020

News

Carlo Moser, la svolta giovane del Trentodoc

Manuela Zennaro |   18 Dicembre 2020

News

Tenuta Palumbo, i vini all’ombra del vulcano

Sabrina de Feudis |   17 Dicembre 2020

News

Birre Preziose Premio Roma 2020: tutti i vincitori

Fabio Castelli |   16 Dicembre 2020

News

La Calabria si tinge di viola con il suo Campo di Lavanda

Giusy Ferraina |   15 Dicembre 2020

News

Hanna Steiner, la nuova generazione dello Speck Alto Adige IGP

Sabrina de Feudis |   14 Dicembre 2020

News

Matteo Dolcemascolo miglior pasticcere emergente d’Italia

Giusy Ferraina |   10 Dicembre 2020

AGENDA

Nuove aperture

Parliamo Di...

SEGUICI SU

Instagram

The access_token provided is invalid.